Manifestanti in piazza (Ansa)
Manifestanti in piazza, oggi marcia di un milione
1 Febbraio 2011
Marco Carola: Il 5 febbraio con Orbeat al Palapartenope la prima mondiale di “Play it loud”
1 Febbraio 2011
Mostra tutto

Al Mercadante “Sconcerto” il nuovo spettacolo di Tony Servillo

Dal 2 al 20 febbraio Tony Servillo è in scena al Mercadante di Napoli, interpretando un uomo senza nome, protagonista dei giorni nostri

Dal 2 al 20 febbraio Tony Servillo è in scena al Mercadante di Napoli, interpretando un uomo senza nome, protagonista dei giorni nostri

 

E’ un insolito Tony Servillo nei panni di un direttore d’orchestra ad essere in scena, calcando il palcoscenico del Mercadante. In realtà siamo di fronte ad un uomo che non riesce a dirigere nulla, soprattutto la sua vita, preso da numerosi tormenti primo fra tutti il desiderio di mettere ordine in quel mondo privo di senso. “Sconcerto” è l’immagine scelta per raccontare quel mondo, abitato da un protagonista del nostro tempo, quasi senza nome e privo di una precisa psicologia.
Attraverso la sua voce e i suoi gesti è ancora possibile la fusione di due universi paralleli: musica e poesia. Non a caso infatti, un altro personaggio fondamentale dello spettacolo è proprio l’orchestra; non una qualsiasi, bensì quella del Teatro san Carlo, diretta da Marco Lena.
Scritto da Franco Marcoaldi e con la musica di Giorgio Battistelli, “Sconcerto” è la rappresentazione di un mondo in cui gli strumentisti suonano da soli, vanno per proprio conto e il direttore non dirige alcunché. È preso da ben altri crucci e tormenti, a cominciare dal desiderio di ordine nella propria testa, attraversata come un fiume in piena dai più diversi e contrastanti pensieri, sensazioni, emozioni, malumori e fantasie. Si succedono e si scontrano tra loro le parole spesso inservibili del passato con il linguaggio totalmente irrelato del presente. La musica investe con la sua montante onda sonora questo doppio movimento della parola, a volte accompagnandola nel suo tragitto e indicandole una possibile via di uscita, altre contrapponendosi ad essa o addirittura negandola. Quasi che soltanto la forma musicale possa ambire ad arrivare là dove non giunge un’espressione verbale in affanno.

Dalila De Felice

Comments are closed.