Le donne nel mondo islamico: quando la fede diventa violenza
3 Settembre 2021
Pio Del Gaudio, donne e uomini liberi per una Caserta migliore
10 Settembre 2021
Mostra tutto

Annunciati i finalisti del Premio Zavattini 2021-2022

Nell’ambito della presentazione della sesta edizione del Premio Zavattini, svoltasi nel pomeriggio del 7 settembre all’Italian di Pavillion dell’Hotel Excelsior di Venezia Lido, sono stati annunciati i nove progetti finalisti, selezionati dalla giuria dell’edizione 2021/22 presieduta dal produttore Gregorio Paonessa e composta dalla regista e sceneggiatrice Mariangela Barbanente, dal montatore e regista Luca Gasparini, dalla documentalista Nathalie Giacobino e dalla regista Chiara Malta. All’incontro hanno partecipato Roberto Cicutto, presidente della Biennale di Venezia, Alberto Barbera, direttore della Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia, Vincenzo Vita, presidente della Fondazione AAMOD (in collegamento da remoto), Antonio Medici, direttore del Premio, Enrico Bufalini, direttore dell’Archivio storico Luce, Laura Delli Colli, presidente del Sngci e del Cda della Fondazione Cinema per Roma,  Gabriella Gallozzi, ideatrice e direttrice del Premio Bookciak, Azione!.

I titoli dei progetti selezionati sono stati comunicati da Gregorio Paonessa, presidente della Giuria: Racconto di luglio di Andrea Gatopoulos (Roma); L’infanzia di Pier Paolo di Alessandro Gattuso (Napoli); Combattere se stessi di Lorenzo Spinelli (Roma); Era una casa, molto carina… di Sara Parentini (Livorno); A casa di Giacomo Della Rocca (Perugia); La sparizione di tua figlia di Noah Leanti (Ravenna); Grivor di Federica Quaini (Roma) e Viola Giulia Milocco (S.Daniele del Friuli, Udine); Amore cieco di Elisa Baccolo (Inzago, Milano) e La corda di Luca Bozzoli (Milano).

La Giuria ha selezionato anche  due progetti di autrici che potranno partecipare al percorso in qualità di uditrici: Ester di Lia Monguzzi (Roma) e Primula nera di Virginia Evi (Milano). Gli autori dei progetti selezionati potranno partecipare al percorso formativo e di sviluppo previsto dal Premio a partire dal 18 settembre presso la Sala Zavattini della Fondazione Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico (AAMOD), a Roma. Al termine, la stessa Giuria selezionerà tra i finalisti tre progetti vincitori che, oltre a utilizzare liberamente il materiale filmico dell’AAMOD, dell’Archivio storico del Luce, di Home Movies e degli altri archivi partner, otterranno servizi gratuiti di supporto per la realizzazione dei cortometraggi e la somma di 2.000 euro per ciascun progetto realizzato.

Matteo Giacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *