Costa e Cantone al forum dei commercialisti su bonifica e valorizzazione del territorio a nord di Napoli
23 Marzo 2019
Focus dei commercialisti sulla “Blockchain”
24 Marzo 2019
Mostra tutto

Anche il gelato ha la sua “Giornata”

Il 24 marzo di ogni anno si celebra la giornata che festeggia un prodotto più di ogni altro riconducibile all’arrivo della primavera. Complice un clima più che mai tiepido di tre gradi superiore alla media del periodo, il Gelato Day è per gli europei la conferma del successo della tradizione artigianale.
 
Gusto, colore, semplicità sono alcune delle associazioni riferite al gelato che solo a marzo registra un più 25% rispetto al mese precedente. Secondo i dati di Ucea gli italiani hanno speso 3 miliardi lo scorso anno per coni e coppette, variegati e soluzioni classiche. Perché in versione scremata o vegana, con aggiunta di frutta o guarnito con panna, il gelato è in ogni sua forma sinonimo di genuinità della nostra dieta. E dietro la sua preparazione ci sono oltre 150 mila addetti e circa 40 mila gelaterie in Italia che ogni anno maneggiano tonnellate di materie prime. 
 
Ma non è solo bontà e ricette innovative, la sua è una storia che accompagna il vecchio continente fin dal XVI secolo. Già nei banchetti medicei della corte fiorentina compaiono sorbetti e  cremolati, per poi diffondersi verso il 1600 a Napoli, Firenze, Parigi, fino in Spagna.
 
È la Francia a fungere da cassa di risonanza mondiale del gelato e portarlo oltre oceano, dove nel 1770 il genovese Giovanni Bosio apre a New York la prima gelateria.
Da allora è una prelibatezza entrata nel patrimonio alimentare mondiale. E in fondo mette d’accordo vecchie e nuove generazioni, riunisce grandi e piccini, fin da quando erano i nonni a comprarlo ai nipoti nel periodo che precorreva all’adolescenza.
 
È l’elemento che arricchisce la tavola in famiglia, dove non manca mai il gusto preferito dei figli e si consuma mano nella mano, in spiaggia o a fine cena tra amici, quando non si sa mai se scegliere le creme o la frutta per accontentare tutti. Il gelato è anche questo. È condivisione, incontro e leggerezza. 
 
Marita Langella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *