Commercialisti, gestione e controllo delle società pubbliche all’insegna dell’efficienza
17 Giugno 2019
Bruscino, nella smart economy gli impianti di riciclo fanno la differenza
18 Giugno 2019
Mostra tutto

Al via il premio “Lindsay Kemp”

Presentato il bando intitolato al coreografo, attore, ballerino, mimo e regista britannico

 

Nato sull’Isola di Lewis e Harris e cresciuto nel nord dell’Inghilterra, sin dall’infanzia s’innamora della danza, del teatro, del cinema, nonostante l’opposizione della madre, che gli darà credito come artista soltanto quando lui otterrà l’esenzione dal servizio militare facendosi credere pazzo.

Terminati gli studi al Bradford College of Arts, si trasferisce a Londra dove frequenta la scuola del Ballet Rambert, quindi si perfeziona con Sigurd Leeder, Charles Wiedman, Marcel Marceau e tanti altri.

Particolarmente significativa per Kemp è l’esperienza formativa con il creatore di Bip, dichiarerà infatti in più occasioni che Marceau gli ha “dato le mani”, giocando con le parole per indicare l’effettiva importanza delle mani nell’arte mimica e nella sua personale interpretazione di essa e il pezzo ‘Le Mani’ che il mimo francese trasmise all’allievo britannico come ‘dono’ tra artisti e maestri nell’arte mimica, che interpretano in modi totalmente differenti la loro arte. Lavora in varie compagnie di danza, teatro, teatro-danza, cabaret, musical, mimo, coreografa perfino spogliarelli, fino a formare nel 1962 la sua prima compagnia, la The Lindsay Kemp Dance Mime Company.

Verso la fine degli anni sessanta continua a sviluppare la propria sintesi fra diversi linguaggi teatrali privilegiando un approccio personale e innovativo alla danza e al teatro, così nel 1968-1969 nasce la prima produzione di Flowers… una pantomima per Jean Gênet[3], liberamente tratto da Nostra Signora dei Fiori di Jean Genet. Durante gli anni vissuti a Edimburgo (1966-1970) crea per una nuova compagnia le opere Turquoise Pantomime, Crimson Pantomime e Legend.

Nel 1974 esordisce con una nuova versione di Flowers in un piccolo teatro londinese ottenendo un tale successo che quasi subito deve trasferirsi in un teatro più grande, poi al West End, infine, dopo mesi di trionfo assoluto, a New York On Broadway. Ha così inizio un ventennio ricchissimo di successi che porta Kemp e la sua compagnia in ogni angolo del mondo ma soprattutto in Spagna e in Italia dove, dal 1978 in poi, torna puntualmente per onorare le sue migliaia di affezionati e fedeli estimatori.

Precursore di un genere di danza onirico, ricco di contenuti e ispirazione, al limite dell’acrobatico e forte di effetti spettacolari ancorché ottenuti in modo semplice attraverso l’uso sapiente della musica e delle luci, Kemp ha forse ispirato il nascente Cirque nouveau ma certamente ha interpretato una delle correnti più fantasiose del teatro-danza europeo, ha reinventato l’arte del mimo e ha influenzato molte compagnie che soprattutto a partire dalla seconda metà degli anni settanta hanno contribuito a rinnovare i fasti della danza classica e contemporanea. 

Il premio Lindsay Kemp,  sarà consegnato in una serata di gala il 13 luglio 2019 all’Accademia Nazionale di danza a Roma, ideato da Lunga Vita Festival in collaborazione con David Haughton e Daniela Maccari della Lindsay Kemp Company, prende la sua ispirazione dallo spirito e dalla filosofia creativa del genio, affabulatore, coreografo, ballerino, mimo e regista, scomparso da poco meno di un anno. I suoi primi comandamenti erano la libertà (da regole, inibizioni, generi e troppi ragionamenti), la generosità (per donare tutto di se stesso al pubblico sempre) e la disciplina (per meglio trasmettere il dono allo spettatore).  I candidati al premio saranno liberi nella creazione dei pezzi e nel raccontare emozioni e magia.

SELEZIONE DEI PARTECIPANTI AL PREMIO

I candidati (Artisti singoli o riuniti in gruppo) dovranno inviare entro le ore 23.59 del 25/06/2019 via mail (lungavitafestival@gmail.com – indicare nell’oggetto Candidatura Premio Kemp) il loro Curriculum Vitae, foto, link video di precedenti lavori (facoltativi ma importanti per la valutazione) e la descrizione di un progetto artistico di max 6 minuti per il Premio Kemp. Il progetto potrà essere inedito o meno, ma dovrà rispettare le caratteristiche artistiche richieste dal Bando. Per spiegare il progetto potrà essere inviato qualsiasi tipo di materiale (note coreografiche, brani musicali, link video…) adatti alla comprensione dello stesso.

La direzione artistica del Premio Kemp selezionerà a suo insindacabile giudizio da un minimo di 5 a un massimo di 10 progetti che riterrà meritevoli.

Tale selezione verrà comunicata entro il 2/07/2019 sul sito www.lungavitafestival.com e telefonicamente a tutti i selezionati.  

I selezionati parteciperanno a un workshop di 3 giorni (10-11-12 luglio) con Daniela Maccari presso il Museo delle Civiltà (EUR), in cui approfondiranno il lavoro sul proprio progetto.

Al termine del workshop, Daniela Maccari e David Haughton, a loro insindacabile giudizio, decideranno quali Artisti/Compagnie si esibiranno durante la serata di gala del 13 luglio, che si terrà presso l’Accademia Nazionale di Danza all’Aventino.

IL PREMIO LINDSAY KEMP

Gli Artisti/Compagnie che avranno superato la selezione si esibiranno davanti a una Giuria di artisti di chiara fama e critici.

I risultati saranno resi noti al termine delle esibizioni.

Il vincitore potrà sviluppare il proprio progetto coreografico e debuttare nell’edizione 2020 di Lunga Vita Festival.

Potranno essere assegnati altri premi e menzioni speciali.

La partecipazione al Premio Kemp è gratuita in tutte le sue fasi.

Per informazione si può scrivere a lungavitafestival@gmail.com o telefonare al numero 348.9263558.

Antonella Di Pietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *