sabato, Marzo 2, 2024
HomeAttualitàGoverno, De Luca: sarà battaglia, non credete a questi farabutti

Governo, De Luca: sarà battaglia, non credete a questi farabutti

Date:

Articoli correlati

Zes, Schifani: mio governo al lavoro per far fruttare questa opportunità

Roma, 2 mar. (askanews) – “Lo sportello unico digitale...

Formula1, Max Verstappen vince in Bahrain

Doppietta Red Bull con Perez secondo, poi Sainz e...

Su fondi rinnovo richiesta confronto a Fitto e Meloni, ma sono conigli

Napoli, 9 feb. (askanews) – “Ci aspettano mesi di battaglia, ma non dobbiamo impressionarci. Vi invito a chiudere orecchie e occhi per le cose che sentirete raccontare da questi farabutti che sono al governo. È in atto una campagna di menzogne e di falsificazione dei dati”. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della diretta Facebook del venerdì, torna sul mancato sblocco dei fondi Sviluppo e coesione.

“È tutto bloccato per una banda di imbecilli che abbiamo a Roma”, ha ribadito il governatore ricordando l’appuntamento di venerdì 16 febbraio, in piazza Santi Apostoli a Roma, con inizio alle 11 contro l’autonomia differenziata e contro il blocco dei Fondi di sviluppo e coesione. “Faremo un sit-in – ha spiegato De Luca -, siamo lì per protestare. Abbiamo chiesto un incontro alla presidente Meloni e al suo valoroso ministro Fitto per chiedere lo sblocco dei finanziamenti. Abbiamo migliaia di posti di lavoro a rischio per l’irresponsabilità e la delinquenza politica di questo governo e di questo ministro”. Il governatore ha poi proseguito: “Rinnovo pubblicamente la sfida a un dibattito pubblico sulla gestione dei fondi europei e sul livello di spesa. Rinnovo la sfida al presidente del Consiglio: sono pronto e disponibile dove e quando vuole, sia lei che il valoroso ministro. Ma scappano. Vediamo se Fitto ha lo stomaco e anche gli attributi per accettare dopo un anno e mezzo di blocco dei fondi. Sono conigli perché non hanno argomenti seri con cui giustificare la loro delinquenza politica. È ovviamente un atto alla Campania e al Sud perché se ne infischiano”, ha concluso.

Ultimi pubblicati