venerdì, Maggio 24, 2024
HomeAutoprodottiEternit bis, Cgil: Sentenza assicuri giustizia alle vittime

Eternit bis, Cgil: Sentenza assicuri giustizia alle vittime

Date:

Articoli correlati

Consulta, ok ad affitti brevi con previsione durata in Valle d’Aosta

Per attività di locazione turistica relativa alle prime case Roma,...

Cei boccia l’Autonomia differenziata, ecco perché: “Mina la solidarietà tra le Regioni”

ROMA – La Cei gela il governo sull’Autonomia differenziata....

Barone (Lega): “Grazie a Salvini ridiamo le case agli italiani”

NAPOLI – “Grazie al ministro Salvini per il Dl...

Napoli – “La protesta di questa mattina è l’ennesimo segnale di solidarietà ai parenti delle persone decedute a causa dell’eternit nella nostra regione. La Cgil è diventata parte civile in questo processo perché vogliamo comunicare un messaggio chiaro: le operazioni di pulizia sono necessarie per proteggere la salute dei cittadini che risiedono nelle zone con una forte concentrazione di amianto e garantire la sicurezza di chi lavora in queste aree inquinate che, in Campania, sono numerose”. Così il segretario generale Cgil Napoli e Campania, Nicola Ricci, partecipando questa mattina alla protesta organizzata da Cgil, Uil e associazioni davanti al Tribunale di Napoli, dove è attesa in giornata la sentenza del processo Eternit bis.

“Siamo qui anche per lanciare un appello alla Regione Campania, alla quale abbiamo presentato una richiesta congiunta dei sindacati, affinché istituisca finalmente un registro dei siti inquinati e una ricerca dedicata, anche in funzione delle operazioni di pulizia che stanno coinvolgendo l’area Ex Italsider di Bagnoli. Ci aspettiamo – continua – che i giudici del Tribunale di Napoli confermino le condanne nei confronti della proprietà svizzera, assicurando finalmente giustizia ai familiari delle vittime e riportando così al centro del dibattito politico e dell’azione di Governo il tema delle operazioni di pulizia, ma siamo fiduciosi che la Magistratura riuscirà a scoprire la verità e le responsabilità”.

Lucio Giacomardo

Ultimi pubblicati