venerdì, Maggio 24, 2024
HomePoliticaErba alta a Milano per aiutare la biodiversità

Erba alta a Milano per aiutare la biodiversità

Date:

Articoli correlati

Il governo approva il piano ‘salva casa’ di Salvini: cosa prevede

di Marcella Piretti e Antonio Bravetti ROMA – Il Consiglio...

Tim:al via switch off rete in rame,da sabato dismesse prime 62 centrali

Spegnimento 6700 centrali entro 2028,migrazione a connessioni banda ultralarga Roma,...

MILANO – Meno tagli dell’erba a Milano in 54 aree pubbliche per promuovere la biodiversità e combattere le isole di calore. La misura decisa da palazzo Marino riguarda un totale di 1,3 milioni di metri quadrati su circa 19 milioni di metri quadrati di verde urbano gestiti direttamente dal Comune. La pratica del cosiddetto ‘sfalcio ridotto’ apporta diversi benefici all’ecosistema urbano.

HABITAT PIÙ RICCO PER INSETTI E ANIMALI

Con la riduzione del taglio dell’erba, infatti, le specie che compongono il prato riescono a completare il loro ciclo vegetativo fino alla fioritura e alla produzione di seme. Lasciare crescere l’erba significa dunque, offrire un habitat più ricco per api e insetti impollinatori, uccelli e piccoli mammiferi contribuendo così alla diversità biologica delle aree urbane. Inoltre, l’erba più alta trattiene l’umidità e preserva il suolo durante i periodi siccitosi.

In centro un’area a sfalcio ridotto sarà quella attorno al platano monumentale dei Giardini Pubblici Montanelli, a beneficio sia dell’albero che della biodiversità del contesto; o ancora le aree lungo le strade di grande viabilità.

CARTELLI PER SPIEGARE LA SCELTA AI CITTADINI

In prossimità dei prati a sfalcio ridotto, saranno collocati circa 150 cartelli della campagna informativa, per spiegare ai cittadini l’obiettivo di questa pratica: migliorare la qualità del suolo e la qualità dell’aria e mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, rispettare il ciclo della natura e ridurre la nostra impronta ecologica.

L’articolo Erba alta a Milano per aiutare la biodiversità proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Ultimi pubblicati