I tre colori del Nero a “Inpastallautore”
14 Gennaio 2011
Bandiere del 'sì' in fiamme davanti Mirafiori(Ansa)
Fiat, referendum Mirafiori: vince il sì col 54%
15 Gennaio 2011
Mostra tutto

Tunisia, Ben Ali fugge

Migliaia in piazza a Tunisi (Ansa)

Notte di scontri e saccheggi in molti quartieri di Tunisi che non hanno risparmiato il centro della citta’. 

E il caos va avanti: questa mattina è stato saccheggiato un un grande supermercato, alle porte di Tunisi, che era stato preso d’assalto ieri da manifestanti. Intanto il presidente Zine Al Abidine Ben Ali, che ieri sera ha lasciato il Paese per destinazione dapprima sconosciuta, e’ a Gedda: la conferma solo dopo l’una ora italiana, e ore di incertezze e voci, tramite un comunicato del palazzo reale di Riad citato dall’agenzia ufficiale saudita Spa che ha confermato l’arrivo del presidente tunisino Ben Ali e’ in Arabia Saudita.

Fino ad allora, il giallo: un aereo atterrato a Cagliari aveva scatenato le speculazioni sull’arrivo di Ben Ali in Italia. L’aereo, un Private Canadair commerciale, arrivato da Tunisi e diretto a Parigi, era atterrato allo scalo Elmas poco dopo le 22 dichiarando emergenza. Le voci su chi fosse a bordo si sono rincorse fino a quando fonti del governo italiano, hanno confermato ufficialmente all’ANSA: ”Il presidente Ben Ali non c’e”’.

”Il regno ha dato il benvenuto all’arrivo del presidente Zine al-Abidine Ben Ali e alla sua consorte”, si afferma nel comunicato del palazzo reale di Riad in cui, secondo una traduzione francese, si riferisce del ”governo saudita” che ”ha accolto” il presidente con ”sua famiglia”, ”in considerazione delle circostanze eccezionali che affronta il popolo tunisino”. L’identita’ dei componenti della famiglia di Ben Ali che si trovano con lui non viene precisata. Secondo informazioni non confermate, la sua consorte Leila lo avrebbe preceduto a Dubai. La coppia, in compagnia di altri parenti, aveva passato una settimana nell’emirato lasciandolo il 27 dicembre, ha riferito una fonte informata della stessa Dubai che e’ uno dei sette Emirati Arabi Uniti. Poche ore prima, Intanto, la situazione resta tesa nel Paese. Il segretario generale delle Nazioni unite Ban Ki-moon ha fatto appello per una ”soluzione democratica”.

Comments are closed.