Resta in forse il viaggio del Papa in Israele
29 Dicembre 2008
Azouz sconta la pena e torna libero
30 Dicembre 2008
Mostra tutto

Olmert: “I raid sono solo l’inizio”

L'offensiva militare contro Hamas nella Striscia di Gaza è «la prima fase di una serie di iniziative» già approvate dal gabinetto di sicurezza dello stato israeliano. Le parole del primo ministro Ehud Olmert suonano come una conferma del fatto che l'operazione di terra contro Gaza sia ineludibile. Che l'esercito israeliano sia ormai pronto a lanciare l'operazione di terra contro Hamas lo aveva già detto del resto la portavoce dell'esercito con la «stella di David», nel quarto giorno dei bombardamenti aerei sull'enclave palestinese governata dal Movimento di resistenza islamico. Israele ha autorizzato l’ingresso di ufficiali medici giordani e ospedali da campo nella Striscia di Gaza.

L’offensiva militare contro Hamas nella Striscia di Gaza è «la prima fase di una serie di iniziative» già approvate dal gabinetto di sicurezza dello stato israeliano. Le parole del primo ministro Ehud Olmert suonano come una conferma del fatto che l’operazione di terra contro Gaza sia ineludibile. Che l’esercito israeliano sia ormai pronto a lanciare l’operazione di terra contro Hamas lo aveva già detto del resto la portavoce dell’esercito con la «stella di David», nel quarto giorno dei bombardamenti aerei sull’enclave palestinese governata dal Movimento di resistenza islamico. Israele ha autorizzato l’ingresso di ufficiali medici giordani e ospedali da campo nella Striscia di Gaza.

NUOVO BILANCIO – Gli aerei israeliani stanno continuando praticamente senza sosta, come hanno fatto per tutta la notte, a colpire obiettivi governativi e dei servizi di sicurezza a Gaza. Un nuovo bilancio parla di 363 palestinesi rimasti uccisi dal fuoco israeliano nei primi quattro giorni della operazione «Piombo Fuso» lanciata contro Hamas. Lo stima la agenzia di stampa palestinese Maan secondo cui i feriti sarebbero circa 1.700. L’agenzia aggiunge che a Khan Yunes, a sud di Gaza, sono rimaste uccise due sorelle palestinesi di 4 e 11 anni che si trovavano a bordo di un carretto trainato da un asino. Nelle loro immediate vicinanze è esploso un razzo israeliano che ha ucciso anche un passante, aggiunge Maan. Anche Sderot è stata nuovamente colpita da razzi sparati da miliziani palestinesi appostati ai margini della Striscia. Un edificio è stato centrato in pieno e, secondo fonti locali, tre persone sono rimaste ferite in modo non grave. Oltre mezzo milione di israeliani (che vivono nelle città meridionali di Sderot, Ashqelon, Ashdod, Kiryat Gat e Netivot) hanno avuto istruzione di osservare puntigliosamente gli ordini ricevuti dal comando delle retrovie. In particolare devono prestare la massima attenzione al suono delle sirene di allarme e cercare rifugio in un tempo massimo di 45 secondi. In quelle città, su ordine del comando delle retrovie, le scuole resteranno chiuse fino a nuovo ordine. La radio dell’esercito israeliana ha fatto sapere inoltre che una motovedetta della Marina militare israeliana ha bloccato una nave di pacifisti palestinesi che tentavano di forzare il blocco nella Striscia di Gaza per portare aiuti alla popolazione stremata.

«NESSUNA TREGUA» – «Non c’è spazio per alcun cessate-il-fuoco» ha dichiarato il ministro dell’interno israeliano, Meir Sheetrit, alla radio militare. «Il governo (di Israele) è determinato a rimuovere la minaccia (dei razzi palestinesi) al sud. Quindi l’esercito israeliano non deve fermare l’operazione prima di aver piegato la volontà dei palestinesi, di Hamas, di continuare a tirare su Israele. Questo è l’obiettivo e deve essere raggiunto», ha concluso Sheetrit.

VERTICE UE – La presidenza francese di turno della Ue ha convocato per martedì pomeriggio a Parigi una riunione straordinaria dei ministri degli esteri della Ue per discutere la situazione in Medio Oriente e, in particolare a Gaza. In un comunicato diramato a Parigi, il ministero degli Esteri francese ha precisato che «i ministri esamineranno il possibile contributo dell’Unione europea alla soluzione della crisi attuale, in collegamento con gli sforzi della comunità internazionale, in particolare quelli del segretario generale delle Nazioni Unite». La riunione sarà seguita da una cena di lavoro. La presidenza francese dell’Ue si concluderà giovedì 31 dicembre e il semestre successivo sarà presieduto dalla Repubblica ceca. Al vertice europeo non ci sarà Franco Frattini, ma il sottosegretario Enzo Scotti. Il titolare della Farnesina invece riferirà su Gaza alle commissioni Esteri di Camera e Senato.

Comments are closed.