Napoli, a teatro in scena tutte le lingue con Lescot
5 Giugno 2009
Amnesty International presenta l’iniziativa “I pittori per Delara”
5 Giugno 2009
Mostra tutto

Obama nel campo di Buchenwald «Da qui la risposta a chi nega la Shoah»

La visita al campo di sterminio di Buchenwald, in Germania, la prima di un presidente americano. È questo uno dei momenti più simbolici e toccanti del viaggio di Barack Obama in Medio Oriente e in Europa.

La visita al campo di sterminio di Buchenwald, in Germania, la prima di un presidente americano. È questo uno dei momenti più simbolici e toccanti del viaggio di Barack Obama in Medio Oriente e in Europa. L’inquilino della Casa Bianca ha visitato il lager in cui furono uccise oltre 56 mila persone, accompagnato dalla cancelliera Angela Merkel, dal premio Nobel Eli Wiesel, un superstite di Buchenwald e da Bertrand Hertz, un altro superstite. I quattro hanno deposto una rosa bianca sul monumento che ricorda «tutte le vittime» del campo di sterminio. Obama ha chinato lievemente la testa, in raccoglimento, prima di allontanarsi dal memoriale. «Non dimenticherò mai cosa ho visto oggi qui a Buchenwald» ha detto il presidente americano nel discorso pronunciato dopo aver visitato il lager. «Questo posto è una risposta a chi nega l’Olocausto». «Il passare del tempo non ha diminuito l’orrore di questi luoghi» ha detto ancora Obama, aggiungendo che «l’indignazione per quanto è avvenuto non è diminuita». «Mi inchino davanti a tutte le vittime» del nazismo, ha detto la Merkel, al termine della sua visita a Buchenwald. In una intervista alla Nbc andata in onda prima della sua visita al campo di concentramento, Obama ha affermato che anche il presidente iraniano Mahmud Ahmadinejad dovrebbe visitare Buchenwald. «Non ho pazienza con chi nega la storia. E la storia dell’Olocausto non ha nulla di ipotetico», ha detto Obama del leader di Teheran, che di nuovo questa settimana ha definito il genocidio di sei milioni di ebrei sotto il nazismo «il grande inganno».

«PRONTI AL DIALOGO» – Nel corso di una conferenza stampa a Dresda con la Merkel, tenutasi prima della visita a Buchenwald, il presidente americano aveva comunque spiegato che gli Stati Uniti sono pronti ad avviare «un dialogo serio» con l’Iran che dovrà essere portato avanti in collegamento con il «5+1», il gruppo di mediatori formato dai membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell’Onu più la Germania. «Dobbiamo evitare una corsa agli armamenti in Medio Oriente», ha sottolineato Obama.

MEDIO ORIENTE – Dopo lo straordinario discorso de Il Cairo, Obama è tornato a parlare durante i colloqui con il cancelliere Angela Merkel, di Medio Oriente, spiegando che «è adesso il momento» di agire per arrivare a una soluzione definitiva «basata sui due Stati», quello israeliano e quello palestinese, e si è detto fiducioso che già «quest’anno» si potranno fare «seri progressi». Il presidente americano ha sottolineato che con il suo discorso al Cairo gli Usa hanno creato «l’atmosfera» e lo spazio per far ripartire i negoziati. In particolare, ha osservato,i palestinesi devono risolvere le loro questioni interne, altrimenti Israele potrebbe avere problemi a negoziare. Obama si è detto «molto favorevole» alle pressioni politiche sul governo Netanyahu perchè fermi l’espansione degli insediamenti ebraici in Cisgiordania, ma ha aggiunto che i Paesi arabi devono compiere «scelte difficili» per venire incontro a Israele e che le concessioni fatte dal presidente dell’Anp, Abu Mazen, sono importanti «ma non sono abbastanza». «Sono fiducioso che, se ci applichiamo, essendo partiti presto possiamo ottenere qualche serio progresso quest’anno», ha spiegato il presidente americano.

CLIMA – Il presidente americano è poi passato ad affrontare altri argomenti in particolare temi legati all’economia e all’ambiente. Obama ha detto di essere «ottimista» sulla possibilità che gli Stati Uniti possano assumere una posizione di leader nella lotta al mutamento del clima. Il presidente degli Stati Uniti ha detto che i paesi europei hanno avuto negli ultimi anni una posizione di avanguardia sugli Usa circa la lotta al riscaldamento del pianeta. «Gli Stati Uniti devono essere pronti a dare il buon esempio se vogliamo coinvolgere nella soluzione del problema paesi importanti come la Cina e l’India», ha detto Obama.

CRISI – Obama ha poi aggiunto che sul fronte della crisi economica «sarà necessario un po’ di tempo e misure durature da parte di tutti per fare progressi. Da entrambe le parti dell’Atlantico abbiamo visto alcuni progressi di stabilizzazione dell’economia, ma siamo lontani dall’aver completato il lavoro necessario» per superare la crisi. La cancelliera Merkel ha aggiunto che è «importante» che le decisioni prese al vertice di Londra del G20 vengano attuate e ha sottolineato che a fronte della crisi vengano rafforzate soprattutto le istituzioni multilaterali. Il presidente Obama ha poi espresso «molta soddisfazione» per la soluzione trovata per la Opel, la controllata tedesca della General Motors, e ha aggiunto «di sperare che le imprese dell’auto non solo si stabilizzino, ma anche che emergano più forti e competitive sui mercati internazionali».

Comments are closed.