Verdi:”il Giappone ci fa capire la follia di voler realizzare nuove centrali in Campania”
13 Marzo 2011
Le strade di Natori (Ansa)
Due esplosioni nella centrale di Fukushima, undici persone risultano ferite
14 Marzo 2011
Mostra tutto

Libia: ancora combattimenti, 4 obici vicino Ajdabiya

Forze di Gheddafi a Brega (Ansa)

Quattro obici sono caduti questa mattina nei pressi di Ajdabiya, a sud di Bengasi, nuovo obiettivo delle forze pro Gheddafi nel processo di riconquista dell’est del paese. Lo hanno riferito fonti degli insorti all’agenzia France Presse. Le quattro granate non hanno fatto vittime, hanno precisato.

BANKITALIA, AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA UBAE – La Banca d’Italia ha disposto l’amministrazione straordinaria per Ubae, l’istituto controllato a maggioranza dalla Lybian Foreign Bank e nel cui azionariato figurano Unicredit e Intesa Sanpaolo.  In una nota la Banca d’Italia ricorda che, in linea con la risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’Onu del 26 febbraio 2011, l’11 marzo il Consiglio Ue ha disposto misure di congelamento nei confronti, tra gli altri, della Banca Centrale Libica (BCL) e della Libyan Foreign Bank (LFB). “Tali soggetti – sottolinea la nota di Via Nazionale – risultano controllanti e principali finanziatori di Banca UBAE Spa di Roma. In relazione a ciò, la Banca d’Italia, con provvedimento del 12 marzo 2010, assunto in via di urgenza, ha disposto la sospensione degli organi con funzioni di amministrazione e di controllo di Banca UBAE e la sottoposizione della stessa alla gestione provvisoria, ai sensi dell’art. 76 del d.lgs. 385/93 (TUB). Sono stati nominati commissari il dott. Vincenzo Cantarella e il dott. Maurizio Losavio” che si sono insediati il 14 marzo. “La gestione della banca – prosegue la nota – è affidata agli organi straordinari, che operano sotto la supervisione della Banca d’Italia, tenendo conto delle indicazioni del Comitato di Sicurezza Finanziaria. Il provvedimento è volto a presidiare la gestione di Banca UBAE, con specifico riguardo all’esigenza di assicurare il rispetto delle misure internazionali; la banca prosegue regolarmente la propria attività”.

RUSSIA METTE AL BANDO GHEDDAFI E FAMIGLIA – Il presidente russo Dmitri Medvedev ha annunciato oggi che il leader libico Muammar Gheddafi e la sua famiglia non potranno entrare in Russia e che sarà bandita la possibilità di condurre operazioni finanziarie libiche in territorio russo.

GHEDDAFI AVANZA, ‘MARCIAMO VERSO BENGASI’
Una blitzkrieg in piena regola: in cinque giorni, le forze armate fedeli a Muammar Gheddafi hanno ripreso Zawiya a ovest di Tripoli, riconquistato i pozzi petroliferi, accerchiato Misurata, e ora marciano verso Bengasi, tra notizie di offensive e controffensive. Stamane la Tv di stato libica ha annunciato che Brega, centro petrolifero a metà strada tra Sirte e Bengasi, “é stata ripulita dalle bande armate” ma in serata l’emittente panaraba Al Jazira, citando un comandante militare, ha reso noto che la città era tornata sotto il controllo delle forze ribelli e che aspri combattimenti erano in corso. Notizie ancora impossibili da verificare, come la stessa Al jazira ha ammesso. A Tobruk, a est di Bengasi, secondo i militari in quattro quartieri periferici è stata issata la bandiera verde. Tanto che il governo invita le compagnie petrolifere a tornare a caricare il greggio e i lavoratori degli impianti a tornare al lavoro, e si dice favorevole all’ingresso nel Paese di un comitato dell’Unione Africana che aiuti la soluzione della crisi che per un mese ha attanagliato il Paese. A Misurata, oramai stretta nell’assedio, i militari trattano la resa con i “terroristi al soldo degli stranieri”, mentre più a est le truppe avanzano, prossimo obiettivo Ajdabiya, che dista circa 250 chilometri da Bengasi, prossimo obiettivo, sostengono, dopo la caduta di Ras Lanuf e di Brega, ammesso che la città sia ancora sotto il loro controllo.

Meta finale Bengasi, dunque, dove la popolazione “é ostaggio di pochi terroristi che minacciano una mattanza”, dicono i militari, per i quali questi “gruppuscoli” non rappresentano un problema tattico. E se a Tobruk, ultima grande città prima del confine egiziano, la situazione rischia di infiammarsi dopo l’annunciata sollevazione delle forze fedeli al governo, che hanno issato i vessilli in alcuni quartieri, a Tripoli si è tornati alla normalità, con il traffico compulsivo tipico di una qualsiasi metropoli araba, con tutti i negozi aperti, la gente in strada e un presenza assai discreta di forze dell’ordine. Sul fronte diplomatico, il governo di Gheddafi incassa il sostegno di alcuni Paesi vicini, e bolla come “inaccettabile” la risoluzione approvata a maggioranza dalla Lega Araba, che ha invitato il Consiglio di sicurezza Onu a imporre una ‘no-fly zone’ sulla Libia. La Lega, invitata da Saif Al Islam, il figlio del leader, ad “andare all’Inferno”, ha sospeso Tripoli e affermato, sulla scia di quanto già fatto dalle monarchie del Golfo, che il governo libico ha perso ogni legittimità. La no-fly zone sarà al centro della missione di Hillary Clinton, che martedì arriverà al Cairo. Il segretario di Stato statunitense incontrerà i vertici militari egiziani ma anche esponenti dell’opposizione libica, arrivati nella capitale egiziana già ieri per prendere parte alla riunione straordinaria della Lega Araba.

A rendere più incandescente la situazione ci ha pensato oggi anche Al Qaida, che per bocca di uno dei suoi leader ha esortato gli insorti in Libia a proseguire “la lotta”. E’ la prima posizione ufficialmente espressa dal network del terrore di Osama bin Laden dall’inizio, il 15 febbraio scorso, dei disordini. Una dichiarazione questa che finisce con il confermare le accuse lanciate dal governo: i rivoltosi sono terroristi, non hanno mai avanzato richieste politiche, si sono armati e hanno compiuto stragi perché vogliono destabilizzare il Paese e consegnarlo agli occidentali, ivi compresi quelli che Gheddafi non manca mai di ricordare, gli ex padroni italiani di cui un tempo i libici erano “schiavi”. “Non stiamo utilizzando le armi sofisticate di cui disponiamo”, ha detto oggi il portavoce dell’esercito, Milad Hussein Al Ghilani, “e non le useremmo mai contro la nostra gente”. Ai giornalisti sono stati consegnati i video raccapriccianti di esecuzioni sommarie, decapitazioni, brandelli di carne umana mostrati come trofei. “Vi porteremo a vedere altre città, altre barbarie”, promettono i militari. Fino a Bengasi.

Comments are closed.