Fiat-Chrysler, accordo raggiunto con i sindacati dell’auto Usa
27 Aprile 2009
S. Valentino
27 Aprile 2009
Mostra tutto

Influenza suina, Ue chiede una riunione straordinaria dei ministri della Sanità

La commissaria europea alla sanità Androulla Vassiliou chiederà «una riunione straordinaria dei ministri della sanità dell'Ue» in seguito all'allarme internazionale sull'influenza da suini. Allarme che ha portato gli Stati Uniti a proclamare lo stato di emergenza nazionale. Lo ha detto la portavoce di Vassiliou precisando che la commissaria auspica una riunione «il più presto possibile».

La commissaria europea alla sanità Androulla Vassiliou chiederà «una riunione straordinaria dei ministri della sanità dell’Ue» in seguito all’allarme internazionale sull’influenza da suini. Allarme che ha portato gli Stati Uniti a proclamare lo stato di emergenza nazionale. Lo ha detto la portavoce di Vassiliou precisando che la commissaria auspica una riunione «il più presto possibile».

PRIMA RIUNIONE CON I MINISTRI DEGLI ESTERI – La commissaria Vassiliou dovrebbe recarsi in Lussemburgo in giornata per incontrare i ministri europei degli Affari esteri al fine di fare il punto della situazione.

FRATTINI – Per l’Italia «i rischi sono davvero insignificanti»: ha detto il ministro degli Esteri Franco Frattini, al suo arrivo proprio al consiglio del ministro degli Esteri della Ue. «Confermo che per l’Italia i rischi sono davvero insignificanti anche se c’è un’unità di crisi del ministero della Salute», ha detto ancora Frattini.
Il ministro degli Esteri ritiene che «sia utile attivare tutti i coordinamenti europei» sui rischi di epidemia da influenza da suini così come l’Unione europea ha già fatto sull’influenza aviaria. «Tutto quello che serve a coordinarci a livello europeo è assolutamente ben accetto», ha detto Frattini.

CASI SOSPETTI IN EUROPA – Intanto si allunga la lista dei casi sospetti di influenza suina in Europa. In Spagna al momento sono dieci, mentre in Francia sono quattro. Altri due possibili casi sono segnalati in Scozia. 

 

Comments are closed.