Tonfo di Tokyo, l’influenza si fa sentire
28 Aprile 2009
Maltempo, è allerta. Ad Alessandria evacuati in 6mila
28 Aprile 2009
Mostra tutto

Febbre suina, in Messico i morti sono 152

È salito a quota 152 il bilancio «probabile» delle vittime dell'influenza suina in Messico, il Paese epicentro dell'epidemia che sta mettendo in allarme il mondo e per la quale l'Organizzazione mondiale della Santità ha fatto salire il livello di allerta da 3 a 4 (su una scala di 6).

È salito a quota 152 il bilancio «probabile» delle vittime dell’influenza suina in Messico, il Paese epicentro dell’epidemia che sta mettendo in allarme il mondo e per la quale l’Organizzazione mondiale della Santità ha fatto salire il livello di allerta da 3 a 4 (su una scala di 6). I dati sono stati forniti nel corso di una conferenza stampa dal ministro della sanità, Josè Angel Cordova, il quale però per la prima volta ha fatto notare che l’epidemia potrebbe essere in una fase di recessione: il numero dei decessi sospetti è infatti in calo (sono stati 6 sabato, 5 domenica, 3 lunedì).

I CASI NEL MONDO – Ma intanto l’allarme nel mondo cresce e nessun paese sembra più immune dal rischio. Infezioni conclamate sono state trovate in Gran Bretagna (2 casi in Scozia), in Canada (6 casi certi, 10-12 sospetti), in Spagna (un caso sicuro, oltre 26 probabili), negli stati Uniti (44). Ma sono ormai innumerevoli i Paesi con casi che destano seri sospetti: Australia 17, Cile 8, Colombia 9, Danimarca 5, Francia 1, Irlanda 3, Israele 1, Nuova Zelanda 66, Corea del Sud 1, Svezia 5, Svizzera 5.

LA SITUAZIONE IN ITALIA – Nel nostro Paese la situazione continua ad essere sotto controllo. Dopo un caso sospetto a Venezia nella giornata di lunedì (ma la persona che aveva manifestato sintomi simili a quelli dell’influenza suina è stata sottoposta ad accertamenti medici che hanno dato esito negativo) non si registrano al momento nuove segnalazioni.

Comments are closed.