Aereo scomparso: avvistati alcuni resti
2 giugno 2009
Campania, 15 arresti per il caos rifiuti
3 giugno 2009
Mostra tutto

Disastro aereo, nessun dubbio. Localizzati i resti dell’Airbus

Lo Stato maggiore delle forze armate francesi non ha più alcun dubbio sull'origine dei resti trovati nell'Oceano Atlantico: sono dell'Airbus A330 di Air France scomparso dai radar lunedì scorso con 228 passeggeri a bordo.

Lo Stato maggiore delle forze armate francesi non ha più alcun dubbio sull’origine dei resti trovati nell’Oceano Atlantico: sono dell’Airbus A330 di Air France scomparso dai radar lunedì scorso con 228 passeggeri a bordo. È quanto è stato comunicato a Parigi sottolineando che «non c’è più spazio per dubbi» anche se è ancora necessaria una «conferma forma»: «Il dubbio non sussiste», ha detto il capitano di vascello Christophe Prazuck dello stato maggiore francese.

GIORNATA DI TRANSIZIONE – Un aereo francese per la ricognizione marittima, Atlantique 2, ha sorvolato nelle ultime ore la zona dove l’aeronautica brasiliana ha individuato martedì i resti dell’Airbis A330 di Air France, a un migliaio di chilometri dalla costa brasiliana e a circa 2000 chilometri da quella senegalese. Martedì sera, il ministro della Difesa brasiliano, Nelson Jobim, aveva già affermato di non avere «alcun dubbio» che i resti trovati appartenessero al velivolo scomparso dai cieli mentre sorvolava l’Atlantico lunedì scorso, con 228 passeggeri a bordo. Altri voli militari francesi sono previsti per mercoledì sulla zona, tra cui quello di un aereo-radar che effettuerà una «cartografia» dei resti per tentare di determinare il luogo dell’incidente e quindi permettere il recupero della scatola nera, ha precisato ancora Prazuck. La cartografia verrà completata da un Falcon 50 che decollerà da Natal, in Brasile, e da un altro volo dell’Atlantique 2. Mercoledì sarà «una giornata di transizione», ha detto ancora il comandante francese spiegando che «si passerà da un’operazione aerea che copre una vasta zona a un’operazione navale che interesserà un’area più ristretta». Intanto il governo brasiliano ha proclamato tre giorni di lutto ufficiale. L’annuncio è arrivato pochi minuti dopo che il ministro della Difesa, Nelson Jobim.

Comments are closed.