Non lasciamo soli gli armeni
16 Ottobre 2020
Cinema e pandemia: la crisi e gli scenari
19 Ottobre 2020
Mostra tutto

Continuano gli arresti in Bielorussia

Oltre 100 persone sono state arrestate a Minsk, in Bielorussia, durante la marcia contro il presidente Alexander Lukashenko alla quale hanno preso parte migliaia di persone nonostante le minacce della polizia di aprire il fuoco. “Finora più di 100 persone sono state fermate a Minsk”, ha detto la portavoce del ministero degli Interni bielorusso, Olga Chemodanova.

L’ex nazione sovietica è assalita dalle proteste dopo che Lukashenko ha rivendicato la vittoria nelle elezioni del 9 agosto scorso su Svetlana Tikhanovskaya, la candidata popolare dell’opposizione. In un messaggio trasmesso prima della protesta, Tikhanovskaya ha chiesto ai bielorussi a portare avanti le loro richieste “in maniera pacifica, ma con insistenza”.

A distanza di pochi giorni altre 240 persone sono state fermate dalla polizia bielorussa per aver partecipato alle proteste, lo riporta l’ong per la difesa dei diritti umani Viasna.

Sempre secondo quanto riportato dall’ong, tra i fermati ci sarebbero anche dei minorenni e dei giornalisti. Decine di migliaia di persone hanno manifestato anche di domenica per chiedere la liberazione dei prigionieri politici e le dimissioni di Lukashenko, che governa la Bielorussia col pugno di ferro da 26 anni.

Matteo Giacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *