sabato, Luglio 20, 2024
HomeAttualitàEnogastronomia, in luglio in Alta Badia torna "Roots of Excellence"

Enogastronomia, in luglio in Alta Badia torna “Roots of Excellence”

Date:

Articoli correlati

Pozzuoli, Bradisismo: fatti concreti nell’esclusivo interesse della Città.

L’Amministrazione, di fronte alle legittime ansie e preoccupazioni dei...

Un documentario su Mimmo Lucano apre il Faito Doc Festival

Da 17 al 24 luglio con 50 opere proiettate...

Dal 27 al 29 all’hotel Ciasa Salares di San Cassiano

Milano, 23 giu. (askanews) – Dal 27 al 29 luglio a San Cassiano (Bolzano) torna in un’inedita edizione estiva “Roots of Excellence”, racconto attuale e contemporaneo del mondo del cibo e del vino organizzato da Ciasa Salares, storico hotel dell’Alta Badia e bastione della tradizione culinaria locale.

Giunto alla sua quarta edizione, questo evento che si svolge tra le baite immerse nei boschi nasce da un’idea della famiglia Wieser, che da oltre 60 anni porta sulle tavole di questo albergo materie prime e prodotti di eccellenza di tutto il mondo. Per la quarta generazione dei Wieser, rappresentata da Jan Clemens e dalla sua compagna Sara, l’obiettivo è quello di offrire ai propri ospiti ingredienti e prodotti genuini, privi di sofisticazione e lontani dalle logiche industriali.

“Siamo felici di tornare con ‘Roots of Excellence’ dopo qualche anno di stop” ha spiegato Jan Clemens Wieser, sottolineando che “il panorama enogastronomico è totalmente diverso rispetto al 2019, l’anno dell’ultima edizione: oggi il vero lusso è quello attento e consapevole, l’esperienza da provare è quella che può essere data solo dai piccoli produttori meno conosciuti e blasonati, che lavorano quotidianamente sulla massima qualità possibile”.

La manifestazione si sviluppa in tre giornate, ognuna con una tematica ben precisa, in cui si alterneranno degustazioni, talk e incontri con gli artigiani del gusto che porteranno la loro idea di enogastronomia autentica in alcuni dei luoghi più rappresentativi dell’Alta Badia, circondati dai panorama mozziafiato sulle Dolomiti.

Fil rouge della prima giornata sarà la cucina in alta quota, con l’appuntamento alle Baite del Ciasa Salares insieme alle eccellenze italiane produttrici di salumi, formaggi e carne, mentre nella seconda dominerà la brace negli spazi attrezzati del Sass Dlacia, alle porte del Parco Naturale Fanes-Senes-Braies. Come da tradizione l’evento terminerà il lunedì proprio al Ciasa Salares, nella “casa” in cui tutto ha avuto origine e che accoglierà i banchi d’assaggio con chef, produttori e vignaioli.

Oltre ai tanti, interessantissimi, produttori che si alterneranno nelle diverse giornate, tra quelli che saranno presenti per tutti e tre i giorni sono attesi Cantine Ognostro, Tenuta Dornach, Vinos al Margen, Escoda Sanahuja, Domaine Truchetet, Vignoble de Pauline, Cantine Iuli, Gitana Wines, Az. Agr. Foradori, Arcari e Danesi, Champagne Justin Maillard, Produttori Wine Governo, Vini Volanti (Raffaele Mor), Microbio (Ismael Gozalo), Les Caves de Pyrene, Daniel Ramos, Tenuta Pranzegg (Martin Gojer), CoViBio, Aviner, Venezian Distribuzione, Triple A, Radikon e Simon Bize.

Ultimi pubblicati