venerdì, Giugno 21, 2024
HomePoliticaDecade l’ad di Consip: “Frasi sessiste alle dipendenti”

Decade l’ad di Consip: “Frasi sessiste alle dipendenti”

Date:

Articoli correlati

Calcio, la Spagna domina ma vince 1-0 con autogol di Calafiori

Iberici agli ottavi, lunedì contro la Croazia Roma, 20 giu....

Golf, Manassero guida con Korhone l’open d’Olanda ad Amsterdam

L’italiano con 7, il finlandese autore di una hole...

Design, A.Fontana: pilastro di economia e identità lombarda

Così a consegna dei premi ‘Compasso d’Oro ADI 2024’ Milano,...

ROMA – Bufera sulla Consip, la società che si occupa degli acquisti della PA. L’amministratore delegato Marco Mizzau è decaduto dalla sua carica per le dimissioni di due consigliere del cda: la presidente Barbara Luisi e Luisa D’Arcano. Il motivo? Le frasi sessiste che il 46enne avrebbe rivolto ad alcune dipendenti. Esternazioni come “le donne decidono in base al flusso del ciclo mestruale” o invitando a preparare il caffè perché di competenza delle donne. Un polverone alzato da una lettera di una delle dipendenti, pubblicata dal blog Sassate. A cui sono seguite testimonianze di chi aveva assistito ai comportamenti contestati e culminati nella decisione delle due consigliere che di fatto hanno messo fine al mandato di Mizzau. Le dipendenti di Consip esultano e proprio sulle pagine di Sassate esprimono gioia per aver messo fine “alla squallida vicenda dei comportamenti maleducati e “sessisti” del nostro AD Marco Mizzau, ora fortunatamente ex. Pesare il giusto e fare il bene si sono concretizzati in una azione esemplare: si sono dimesse presidente e consigliera, due donne che hanno scelto di decidere a vantaggio della giustizia, della verità. Loro che hanno conquistato non senza fatica un ruolo di rappresentanti delle istituzioni hanno agito con il senso più alto del dovere che la loro carica richiedeva”.

L’articolo Decade l’ad di Consip: “Frasi sessiste alle dipendenti” proviene da Agenzia Dire.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it

Ultimi pubblicati