martedì, Marzo 5, 2024
HomeAttualitàConsorzio vini d'Abruzzo a Wine Paris con 24 aziende e un nuovo...

Consorzio vini d’Abruzzo a Wine Paris con 24 aziende e un nuovo stand

Date:

Articoli correlati

Ue, cosa prevede l’accordo in trilogo sul regolamento imballaggi

Accolte eccezioni su obiettivi riuso, restano divieti plastica monouso Bruxelles,...

Calcio, Sarri: “Niente è impossibile, serve coraggio”

Domani Bayern-Lazio, ritorno degli ottavi di Champions Roma, 4 mar....

Regolamento sugli imballaggi, c’è l’accordo tra le istituzioni Ue

Concluso il negoziato iniziato stamattina, a breve i dettagli Bruxelles,...

“Piccola anticipazione di quello faremo a Prowein e a Vinitaly”

Milano, 7 feb. (askanews) – Il Consorzio Tutela Vini d’Abruzzo ha annunciato che parteciperà a Wine Paris-Vinexpo Paris 2024 (12-14 febbraio) con un’area collettiva formata da 24 aziende e “uno stand rinnovato nell’immagine e nella struttura, con un importante restyling dell’area espositiva che ha l’obiettivo di attrarre maggiormente l’interesse da parte del pubblico degli operatori”.

“Si tratta di una piccola anticipazione di quello che verrà poi realizzato al Prowein e, in forma ancora più ampia e articolata, anche al Vinitaly” ha precisato il Consorzio che, con il presidente Alessandro Nicodemi, ha spiegato che “Wine Paris è una grande opportunità di promozione in Francia, e apre ormai le danze delle fiere europee: quest’anno in particolare risulta strategica per capire il sentiment del mercato, dopo un 2023 di luci e ombre. Sarà solo l’inizio della nostra attività promozionale – ha sottolineato – che ci vedrà tornare a viaggiare in Estremo Oriente già a fine febbraio per poi presentarci agli appuntamenti di Prowein e Vinitaly”.

“La promozione realizzata dal Consorzio all’estero è molto importante per i nostri produttori, che investono sempre più sulla qualità dei propri vini e sui mercati internazionali” ha proseguito Nicodemi, ricordando che “l’export mantiene una quota importante delle nostre vendite e i dati 2023 tutto sommato confermano un trend positivo nei valori di vendita, un processo di premiumization che stiamo portando avanti con forza e di cui stiamo cogliendo i frutti. In mercati strategici come gli Stati Uniti e la Germania – ha evidenziato – vediamo infatti uno spostamento dei consumi verso la fascia prezzo più alta (12 e 20 dollari per il mercato statunitense e 7-10 dollari su quello tedesco) che ci fa ben sperare per il futuro”.

Ultimi pubblicati