giovedì, Febbraio 22, 2024
HomeAttualitàAziende Usa,Ft: boom debito convertibile per contenere costi raccolta

Aziende Usa,Ft: boom debito convertibile per contenere costi raccolta

Date:

Articoli correlati

Attacchi israeliani anche a Rafah. OMS: “Gaza è una zona di morte”

In alcune aree la malnutrizione grave è arrivata al...

Nvidia,svolta su IA,ricavi trimestre +265% sorprendono Wall Street

+409% ricavi data center trainano risultati Roma, 21 feb. (askanews)...

Wall Street migliora sul finale dopo Fed, DJ +0,13%, Nasdaq -0,34%

Verbali Fomc: servono più certezze su inflazione prima di...

In 2023 emissioni convertibili +77% a 48 miliardi dollari

Roma, 3 gen. (askanews) – Le società statunitensi si sono affollate sul mercato delle obbligazioni convertibili alla ricerca di modi per mantenere bassi i costi degli interessi, in una rara ondata di attività in mercati di raccolta fondi aziendali altrimenti sottotono. Secondo i dati di LSEG, l’anno scorso l’emissione di debito convertibile è aumentata del 77% raggiungendo i 48 miliardi di dollari, rendendolo una delle poche aree dei mercati dei capitali a tornare alle medie pre-pandemia dopo la flessione del mercato del 2022. Lo riporta il Financial Times.

Gli esperti affermano che il boom delle convertibili, un tipo di obbligazione che può essere scambiata con azioni se il prezzo delle azioni di una società raggiunge un livello prestabilito, probabilmente continuerà quest’anno poiché le società rifinanziano un’ondata di debito in scadenza.

Il debito è stato tradizionalmente popolare tra i gruppi tecnologici e biotecnologici più giovani che faticano ad accedere ai mercati obbligazionari tradizionali. Ma anche le aziende più affermate si sono tuffate, poiché gli aumenti dei tassi di interesse della Federal Reserve hanno fatto salire i costi di finanziamento anche per le società investment grade.

“Storicamente i convertibili sono stati talvolta visti come uno di quei prodotti più interessanti da cui i titoli investment grade si tenevano lontani”, ha detto al Ft Bryan Goldstein, che fornisce consulenza alle aziende sulle operazioni convertibili presso Matthews South. “Ora che alcuni grandi emittenti sono arrivati sul mercato, la narrazione è cambiata: è visto come un prodotto attraente per i suoi meriti.”

I convertibili offrono ai mutuatari tassi di interesse più bassi rispetto alle obbligazioni tradizionali senza la diluizione immediata per gli azionisti che deriverebbe dalla vendita di nuove azioni. Sebbene le emissioni totali del 2023 siano state inferiori ai livelli record raggiunti nel 2020 e nel 2021, quando le aziende hanno approfittato dei tassi di interesse netti a zero per sostenere i propri bilanci, sono state ben al di sopra della media di 34 miliardi di dollari per il decennio fino al 2019.

Ciò – rileva il Ft – è in netto contrasto con i mercati delle offerte pubbliche iniziali, delle vendite successive di azioni, del debito ad alto rendimento e dei prestiti con leva finanziaria, dove i volumi languiscono ancora ben al di sotto dei livelli pre-pandemia.

Ultimi pubblicati