Tg Ambiente, edizione del 24 gennaio 2023
24 Gennaio 2023
Le Marche puntano sulle “Hydrogen Valleys”, con bando Pnrr Regione
24 Gennaio 2023
Mostra tutto

Ucraina, dopo le accuse di corruzione la “purga” di Zelensky

Rimossi quattro viceministri e cinque governatori

Roma, 24 gen. (askanews) – Dopo lo scandalo delle presunte tangenti sulle forniture all’esercito, il governo ucraino ha avviato una “purga” delle alte sfere costato l’incarico a diversi viceministri e governatori.

Un terremoto politico definito una risposta alla “richiesta fondamentale dell’opinione pubblica di una giustizia uguale per tutti”, come ha dichiarato il consigliere presidenziale ucraino, Mykhailo Podolyak: “Le decisioni del presidente Zelensky testimoniano quali siano le priorità dello Stato”, ha concluso Podolyak.

La prima testa a rotolare è stata quella del consigliere presidenziale Kyrylo Tymoshenko, ufficialmente su sua stessa richiesta; successivamente è toccato al viceprocuratore generale, Oleksiy Symonenko, e a due viceministri dello Sviluppo dei territori, Vyacheslav Negoda e Ivan Lukerya.

Le dimissioni più rilevanti sono tuttavia quelle del viceministro della Difesa, il quale ha spiegato di aver abbandonato la carica a causa delle “accuse dei media” di corruzione ritenute “infondate”; Shapolavov era infatti incaricato di sovrintendere alle forniture di equipaggiamento e alimentari destinate alle truppe ucraine.

La caduta del viceministro è costato il posto anche a cinque governatori regionali ritenuti vicini a Soapolavov: si tratta di Valentyn Reznichenko (Dnipropetrovsk), Oleksandra Starukha (Zaporizhzhia), Oleksiy Kuleba (Kyiv), Dymtro Zhivytskyi (Sumy) e Yaroslav Yanushevich (Kherson).

Lo scandalo era scoppiato sabato scorso con l’arresto del viceministro delle Infrastrutture, Vasyl Lozynskiy, sotto incheista dal settembre scorso e accusato di aver acquistato derrate alimentari per le forze armate a un prezzo doppio o triplo rispetto a quelli di mercato.

continua a leggere sul sito di riferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *