Vaccino antinfluenzale e scompensi cardiaci
2 Gennaio 2019
Domani a Taranto si parlerà dell’esperto contabile
9 Gennaio 2019
Mostra tutto

Salvini e la violenza negli stadi

Il vicepremier Salvini insieme al sottosegretario Giorgetti ha incontrato i vertici di polizia e addetti ai lavori per mettere fine agli scontri tra i tifosi. Al termine del vertice il ministro dell’Interno è intervenuto in conferenza stampa: ‘Si è trattato di una riunione operativa che ha dato i suoi frutti. I numeri sono in netta diminuzione come i Daspo ma non si può morire per una partita di calcio. Allo stadio ogni settimana vanno oltre 12 milioni di persone mentre i teppisti sono solo seimila. Non vogliamo confondere i tifosi con i delinquenti ma vi posso assicurare che faremo di tutto per sradicare la violenza negli stadi. Sono contrario al divieto di trasferta. Il calcio è gioia’.

 Matteo Salvini conferma che le partite serali devono essere valutate con maggiore attenzione: ‘Alla ripresa è in programma Genoa-Milan. Una partita a rischio visto che i rapporti tra le tifoserie non sono idilliaci. Proprio per questo preferirei che partite come queste si giocherebbero di giorno. Capisco il business ma la felicità e la gioia vengono prima della parte economica. Sono contrario alla chiusura degli stati, dei settori e al divieto delle trasferte perché sarebbe una sconfitta. Non voglio che si confonda il razzismo con la rivalità del quartiere. Spero che episodi simili non si ripetano ma chiudere lo stadio o sospendere le partite è una sconfitta del calcio’.

Il Napoli si fermerà in caso di cori razzisti a gara in corso. E’ questa la risposta del club azzurro al Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che nel vertice di Roma si era detto contrario allo stop alle partite di campionato in caso di cori discriminatori e ululati.

I vertici del club partenopeo avrebbero appreso con perplessità le parole del vicepremier, confermando l’intenzione di prendere iniziative, anche clamorose, qualora gli episodi di razzismo si dovessero ripetere nelle prossime gare.

Come annunciato peraltro da Carlo Ancelotti in conferenza stampa un mese fa: il tecnico azzurro aveva ventilato l’ipotesi di uno stop in mancanza di interventi da parte dell’arbitro. Secondo l’Ansa, anche il patron Aurelio De Laurentiis starebbe seguendo in prima persona il dibattito, costantemente informato anche a Los Angeles, dove si trova attualmente per alcuni impegni cinematografici.

Queste le parole di Salvini: “È un tema scivoloso, è difficile individuare il criterio di discriminazione tra i ‘buu’ al bianco, al giallo, al nero, i cori contro i napoletani o gli juventini. Preferisco prevenire e sensibilizzare che sospendere le partite. Chi decide e in base a quale criterio oggettivo se sospendere una partita? Ricordo che in Milan-Juve i ‘buu’ dei tifosi rossoneri erano per Bonucci: chi decide se quella è discriminazione? Servono criteri oggettivi che in questo caso sono difficilmente individuabili, quindi sono contrario alla sospensione delle partite. La mia preoccupazione è quella di non mettere in difficoltà l’arbitro, che ha già il suo bel da fare. E penso anche agli operatori di pubblica sicurezza, ho condiviso la scelta di non sospendere Inter-Napoli, non perché sia favorevole ai ‘buu’ razzisti ma perché i problemi esterni allo stadio potevano essere maggiori.

Sulle violenze degli ultras: ‘L’obiettivo è sradicare la delinquenza da dentro e da fuori gli stadi e su questo utilizzeremo ogni mezzo. Lavoreremo per favorire la costruzione di stadi di proprietà, con camere di sicurezza e ho proposto l’idea di tornare a utilizzare il treno per le trasferte. È molto più controllabile un gruppo di mille tifosi identificabili, che hanno acquistato con un documento il biglietto del treno, piuttosto che cento automobili in viaggio’.

Antonella Di Pietro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *