Il Sindaco Petroselli online sul sito ufficiale AAMOD
26 Settembre 2019
VII Edizione del Festival “Food&Book”
28 Settembre 2019
Mostra tutto

Redistribuzione migranti: accordo raggiunto

View of Valletta at night from Sliema, Malta

I ministri dell’Interno di Italia, Malta, Francia e Germania si sono riuniti a La Valletta per discutere di un piano sulla gestione dei migranti che arrivano in Europa dopo essere stati soccorsi in mare. Al termine dell’incontro, a cui ha partecipato anche la Finlandia, che detiene la presidenza di turno del Consiglio dell’Unione Europea, i ministri hanno comunicato di aver raggiunto un accordo.

L’accordo dovrà però passare per il Consiglio dell’UE  il 7 e l’8 ottobre in quel di Lussemburgo, dove si cercherà di allargarlo ad altri paesi.

Il testo prevede in sostanza l’introduzione di un ricollocamento automatico dei migranti che arrivano in Italia e a Malta dopo essere stati soccorsi, i migranti verranno redistribuiti tra i diversi paesi che aderiranno all’accordo, dove, sulla base del numero di aderenti verrà fissata la percentuale di migranti spettante a ciascuno. 

L’ accordo prevede che la scelta dei porti d’approdo dei vari migranti avvenga su base volontaria, e non con rotazione, come invece ci si aspettava da parte dell’Italia e Malta: in base a questo accordo è difficile che le cose cambino molto rispetto al passato: il diritto marittimo prevede che il primo “porto sicuro” sia il più vicino dal punto di vista geografico. Gli sbarchi molto probabilmente continueranno ad avvenire per lo più sulle coste italiane e maltesi.

Di tutt’altro avviso sembra, invece, il ministro dell’interno italiano Luciana Lamorgese: “Italia e Malta non sono più sole, c’è la consapevolezza che i due paesi rappresentano la porta d’Europa”.

Matteo Giacca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *