Tg Politico Parlamentare, edizione del 14 gennaio 2022
14 Gennaio 2022
La Valle d’Aosta va in zona arancione. Campania diventa gialla
14 Gennaio 2022
Mostra tutto

Peste suina, il ‘lockdown dei boschi’ preoccupa la Liguria: “Una follia per il turismo”

peste-suina,-il-‘lockdown-dei-boschi’-preoccupa-la-liguria:-“una-follia-per-il-turismo”

GENOVA – Il “lockdown dei boschi” stabilito con ordinanza dei ministeri della Salute e dell’Agricoltura in 114 Comuni interessati dalla peste suina africana, di cui 36 liguri, fa discutere tutti, addetti ai lavori e non. Se, da un lato, le prime reazioni dal mondo dell’agricoltura sono positive per le misure che preservano l’ambiente, ma tutelano anche le attività economico-commerciali, dall’altro c’è forte preoccupazione per il futuro delle attività all’aria aperta, turistiche, sportive e amatoriali.

In Liguria, dove al momento è stato riscontrato un solo caso, in zona di confine con il Piemonte, è in corso un vertice in Alisa, l’azienda regionale sanitaria, per decidere i prossimi passi immediati da intraprendere, dal momento che l’ordinanza nazionale, che vieta non solo la caccia, ma qualsiasi attività nei boschi che non riguardi la cura di piante e animali, lascia ampio margine di deroga ai “servizi regionali competenti”, compresa la possibilità di aprire alla caccia selettiva.

Intanto, le reazioni della politica sono contrastanti. Il vicepresidente della giunta, con delega a Caccia e Agricoltura, l’assessore Alessandro Piana, contattato dall’agenzia Dire, si dice “soddisfatto del provvedimento che ha recepito tutte le nostre osservazioni per quanto riguarda l’aspetto agricolo. Ringrazio i ministri, il sottosegretario Andrea Costa e i parlamentari liguri della Lega, Lorenzo Viviani e Francesco Bruzzone, che in questi giorni sono stati a stretto contatto con noi, ma anche l’istituto zooprofilattico e Alisa per la proficua collaborazione”. E annuncia che la Regione sta già predisponendo la richiesta al governo di una serie di ristori per le attività che dovessero subire danni economici dall’ordinanza dei due ministeri.

In ogni caso, Piana (Lega) è convinto che il divieto di accesso ai boschi potrebbe durare solo poche settimane e non sei mesi, “se nel frattempo non dovessero essere rinvenute altre carcasse. Intanto, l’ordinanza di chiusura consente a tecnici e addetti ai lavori di controllare il territorio con tranquillità e pensare di restringere progressivamente la zona rossa”. Poi, detta la linea, “in un secondo momento, dovremo pensare a nuove misure di contenimento degli ungulati perché nell’attuale zona rossa ligure ci saranno circa 20.000 capi ed è impensabile aspettare solo di recuperare le carcasse per morte naturale. Dovremo studiare degli abbattimenti selettivi, magari senza cani, coinvolgendo i professionisti con appostamenti fissi e nuove tecniche ormonali, in collaborazione con le forze dell’ordine. E’ un’ipotesi già al vaglio del ministero”.

Di tutt’altro tenore le parole dell’assessore al Turismo, Gianni Berrino (Fdi), fortemente preoccupato per le ripercussioni della decisione del governo sul settore di sua competenza. “Turisticamente è una follia- si sfoga all’agenzia Dire- non solo si fanno morire i parchi, ma anche i paesi dell’entroterra in cui non andrà più nessuno. Una delle peculiarità del nostro turismo è proprio quella di essere attrattivo 365 giorni all’anno grazie alle molte opportunità offerte dalle attività outdoor”.

Per l’assessore si tratta di “un provvedimento salomonico che preoccupa molto per un settore che è già in difficoltà. Peraltro, se è vero che la peste suina non è pericolosa per l’uomo, così si trasmette un’immagine sbagliata all’esterno perché la gente pensa che nei boschi non ci si possa andare perché è pericoloso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Peste suina, il ‘lockdown dei boschi’ preoccupa la Liguria: “Una follia per il turismo” proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *