A Napoli 4.000 procedimenti per la violenza di genere
22 Novembre 2022
Il senatore Malan contro i matrimoni gay: “Per la Bibbia l’omosessualità è abominio”
22 Novembre 2022
Mostra tutto

Ora la Sinistra processa Aboubakar, sindacalista rischia l’espulsione

ROMA – Ora Aboubakar rischia l’espulsione dal gruppo di Sinistra Italiana-Verdi. Non sono finiti i guai per il sindacalista, neoparlamentare della Sinistra. La compagna Liliane Murekatete e la suocera Marie Terese Mukamitsindo sono finite in un’inchiesta della Procura di Latina su alcuni casi di sfruttamento, ad opera della cooperativa Karibu e del consorzio Aid di cui le donne sono a vario titolo amministratrici. Dopo la difesa di Soumahoro a mezzo social (“Su di me fango, vogliono vedermi morto“) il gruppo di Sinistra Italiana-Verdi vuole ascoltare dalla sua voce una ricostruzione dettagliata dei fatti che interessano in primo luogo le donne della sua famiglia. Ma non solo.

LEGGI ANCHE: Soumahoro in lacrime dopo le accuse: “Mi volete morto”

A quanto risulta all’agenzia Dire, Sinistra Italiana e Verdi vogliono arrivare in fondo anche alle accuse che l’Usb – la sigla sindacale sotto le cui insegna Soumahoro ha militato fino al luglio del 2020 – mosse a proposito di una raccolta fondi lanciata da Soumahoro quando era dirigente di quel sindacato. Siamo nei primi mesi della pandemia e quei soldi dovevano servire per consentire ai migranti di sopravvivere durante l’emergenza Covid. Una parte di quei soldi è stata effettivamente spesa per portare beni di prima necessità ai migranti. Ma il sindacato chiese a Soumahoro di dettagliare tutte le somme raccolte e spese, in virtù del fatto che molti delegati e militanti del sindacato di base vi avevano contribuito. Dopo aver lasciato l’Usb, Soumahoro fondò la Lega dei braccianti.

LEGGI ANCHE: Soumahoro: “Io ho dato del lei a Meloni, doveva fare così anche con me”

Su entrambe le vicende sarà chiesto a Abouobakar di spiegare per filo e per segno i fatti per sgomberare ogni dubbio sul suo operato. Il parlamentare di origine ivoriana è stato invitato a un incontro alla Camera coi vertici del partito che lo ha ospitato alle scorse elezioni.ù

Pur avendo perso la corsa nel collegio uninominale di Modena, il sindacalista è stato eletto il 25 settembre grazie alla quota proporzionale. Il suo nome era tra quelli della lista bloccata al plurinominale del centrosinistra nel collegio Lombardia1 P01 per la Camera.

LEGGI ANCHE: Soumahoro: “Io ho dato del lei a Meloni, doveva fare così anche con me”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo https://www.dire.it continua a leggere sul sito di riferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *