Roma, 24 gen. (askanews) – Le autorità nordcoreane hanno lanciato un allarme sulle condizioni climatiche, nei giorni più freddi dell’anno che stanno provocando gravi problemi anche in Cina, Corea del Sud e il Giappone. Lo riferisce la BBC.

Le temperature previste sono 30 gradi sotto lo zero nelle regioni settentironali della Corea del Nord, ha avvertito la radio di stato, mentre le aree costiere saranno spazzati da venti furiosi.

Particolarmente incerta è la situazxione in province come Ryanggang, Nord Hamgyong e Sud Hamgyong, che sono anche le aree più povere del paese e più vulnerabili agli sbalzi climatici. L’erogazione dell’energia elettrica nelle case comuni in quelle zone non è comune e il riscaldamento è effettuato con metodi antichi.

Radio Free Asia ha affermato a dicembre che “un gran numero di persone” in Corea del Nord è morto nella precedente ondata di freddo. Molti sono finiti congelati o sono morti di fame.

Pesante la situazione anche nella più attrezzata Corea del Sud. A Seoul la colonnina di mercurio è scesa fino a 25,5 gradi sotto lo zero, mentre nella città di Cheorwon,nel nord del paese, la temperatura ha toccato i 39,3 gradi sotto zero. Le forti nevicate e il ghiaccio stanno provocando gravi problemi per i trasporti.

Altrettanto sta accadendo in Giappone. La compagnia aerea JAL ha cancellato 120 voli e forti nevicati hanno interessato l’arcipelago dall’estremo nord al sud.