Una immagine della strage di Capaci nella quale rimasero uccisi il giudice Giovanni Falcone, la moglie e gli uomini della scorta
“Il sangue dei giusti è seme”
23 Maggio 2020
Ospedale di Caserta: la solidarietà delle Associazioni d’Arma
27 Maggio 2020
Mostra tutto

Infezione da Covid-19: “Previsto un netto calo delle nascite”

ROMA – Secondo i dati Istat e il “Dossier Nascite e COVID-19” presentato in questi giorni alle Commissioni Bilancio di Camera e Senato sul Documento di Economia e Finanza (DEF) dagli esperti del Dipartimento per la Produzione Statistica dell’ISTAT, appunto l’Istituto Nazionale di Statistica, è previsto in Italia un crollo delle nascite specialmente dopo il periodo di infezione da Covid-19.

A tal proposito abbiamo intervistato il Dottor Andrea Militello (nella foto) andrologo urologo nelle città di Roma e Milano esperto e perfezionato in fisiopatologia della riproduzione umana:

“La fertilità maschile dice sotto il Dr. Militello che esercita anche nelle città di Cosenza e di Viterbo è in netto calo in Italia da molto tempo per vari motivi di natura ambientale, vedi l’inquinamento specialmente con i fitoestrogeni, ormoni femminili rilasciati da numerosi prodotti usati in estetica o come i bisfenoli, presenti nelle plastiche, stili di vita errati e alimentazione errata, ma a dare il colpo finale è stata l’infezione da Covid-192″ spiega il Dottor Militello.

Chiaramente dobbiamo considerare anche l’aspetto psicologico, le incertezze e i dubbi sul futuro economico hanno dato delle ripercussioni anche sulla progettualità e chiaramente anche questo avuto delle ripercussioni negative nella programmazione della gravidanza in tantissime coppie, che in questo periodo hanno addirittura perso il lavoro. 

Nello stesso tempo, un dato più tecnico è legato al fatto che il Coronavirus può attaccare i recettori Ace 2, come abbiamo ormai ben capito anche dalle informazioni sul web, recettori che sono molto presenti anche a livello del tessuto testicolare proprio a livello delle cellule che producono il testosterone e gli spermatozoi. 

“Per questo dobbiamo aspettarci in futuro un calo dell’indice di fertilità che come dicevo è già compromessa nell’uomo italiano che si ripercuoterà in un drastico calo delle nascite. E inoltre dobbiamo tenere in conto la possibilità di contaminazione virale anche con i rapporti sessuali non protetti” continua ancora il dottore.

“Il mio consiglio è quello di anticipare gli eventi affidandosi allo specialista-andrologo per diagnosticare il grado di infertilità e tentare l’eventuale recupero della fertilità ripristinando la spermatogenesi” conclude il Dottore Militello.

Enrico Flauto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *