Veltroni: “Con Di Pietro l’allenanza è finita”
19 Ottobre 2008
Borse: l’avvio è brillante.
20 Ottobre 2008
Mostra tutto

Verdi: “Più controlli nelle isole pedonali”

“Servono subito controlli rigorosi dei vigili urbani e delle altre forze dell’ordine per evitare che le auto continuino ad invadere impunemente l’isola pedonale di via Scarlatti: i pedoni sono infatti sempre più costretti a prodursi in pericolose gimkane tra le auto, sia in sosta che circolanti, nelle isole che invece dovrebbero essere off-limits ad ogni genere di veicolo”.

“Servono subito controlli rigorosi dei vigili urbani e delle altre forze dell’ordine per evitare che le auto continuino ad invadere impunemente l’isola pedonale di via Scarlatti: i pedoni sono infatti sempre più costretti a prodursi in pericolose gimkane tra le auto, sia in sosta che circolanti, nelle isole che invece dovrebbero essere off-limits ad ogni genere di veicolo”.

L’allarme è lanciato dai responsabili territoriali dei Verdi Valerio Ceva Grimaldi e Gabriella Segrella, che lamentano scarsi controlli “sia in via Scarlatti, che stamattina contava ben quattro auto in sosta e due circolanti solo nel tratto iniziale, che in tutte le altre isole pedonali del quartiere: piazza Fuga e i tratti pedonalizzati di via Morghen-via Scarlatti – hanno aggiunto i Verdi – sono spesso invasi dalle automobili, specie nelle ore serali, e nessuno ha mai pensato di intervenire in modo deciso. Rari i verbali della polizia Municipale, mai un carro attrezzi: capiamo le difficoltà in cui i vigili urbani sono costretti ad operare quotidianamente, ma ora occorre un immediato e definitivo ripristino della legalità”.

“Invieremo presto una lettera al comando locale della Polizia municipale chiedendo un presidio fisso all’ingresso dell’isola pedonale di via Scarlatti, nonché la presenza di un carro gru nei fine settimana – hanno concluso Ceva Grimaldi e Segrella – solo così si potrà combattere il caos e l’assedio delle automobili, contribuendo a preservare l’incolumità e la tranquillità dei cittadini”.

Francesco Licastro

Comments are closed.