Riscopriamo la gentilezza
21 Gennaio 2010
La protesta (Ansa)
Ok a processo breve. Scontro tra Alfano e l’Anm
21 Gennaio 2010
Mostra tutto

Dieci pompieri feriti. Accoltellati e investiti

''Un gesto di pura follia, non ha detto nulla, ha tirato fuori un coltellino di quelli tascabili e ha colpito quattro colleghi''. Cosi' descrive gli attimi di terrore nella scuola dei vigili del fuoco a Roma Gennaro Tornatore, responsabile della comunicazione al ministero degli Interni.

”Un gesto di pura follia, non ha detto nulla, ha tirato fuori un coltellino di quelli tascabili e ha colpito quattro colleghi”. Cosi’ descrive gli attimi di terrore nella scuola dei vigili del fuoco a Roma Gennaro Tornatore, responsabile della comunicazione al ministero degli Interni.

L’aggressore, Gabriele Mancini, 41 anni, un ingegnere che aveva lavorato nella caserma, sarebbe stato dunque colto da un raptus che lo ha portato a ferire dieci persone. Quattro pompieri sono stati accoltellati nella sede dei vigili del fuoco, a Capannelle, nei pressi del Sacrario dei pompieri, altre persone  sono state investite dalla sua auto nel parcheggio della struttura nel tentativo di fuggire.

In totale sono quattro i codici rossi trasportati agli ospedali Casilino, Gemelli, San Camillo e Vannini. Gli altri feriti, in base a quanto si apprende, non versano in condizioni gravi e sono stati trasportati in altri ospedali della Capitale. Il ferito più grave, colpito alla gola, si trova al Policlinico Casilino.

Gabriele Mancini, secondo quanto si apprende, non aveva mai mostrato problemi in passato e viene definito dai suoi stessi colleghi una ”persona tranquilla”.  ”Non ci risulta che prima dell’episodio l’uomo avesse avuto discussioni o che alla base del gesto ci siano motivi di tipo economico – ha aggiunto Tornatore – lavorava qui da cinque anni e si occupava della formazione”

La procura di Roma ha aperto un fascicolo. Gli accertamenti sono affidati al pm Patrizia Ciccarese il quale procede, per il momento, per tentato omicidio. I medici dovranno stabilire se lo stato di salute dell’uomo siano compatibili con il carcere o se debba essere trasferito in una struttura sanitaria. Il pm è in attesa dei referti riguardante i feriti e di un’informativa contenente la ricostruzione dei fatti.

Comments are closed.