Angela Merker, l’addio della cancelliera che ha cambiato la Germania
11 Settembre 2021
Manzo (FdI): “Massimo impegno per il sostegno alla lista comunale”
11 Settembre 2021
Mostra tutto

Formula 1, a Monza Bottas vince la Sprint Qualifying ma viene penalizzato: pole Verstappen

formula-1,-a-monza-bottas-vince-la-sprint-qualifying-ma-viene-penalizzato:-pole-verstappen

Di Marco d’Avenia

ROMA – La Mercedes di Valtteri Bottas si aggiudica la Sprint Qualifying del Gran Premio di Monza. Il pilota finlandese però, in virtù del cambio della sua power unit nelle prove libere di ieri, sarà penalizzato in gara e partirà per ultimo. Davanti a tutti dunque domani alle 15 ci sarà la Red Bull di Max Verstappen, leader del Mondiale piloti, seguito dalle McLaren di Ricciardo e Norris. Quinto Lewis Hamilton dopo una partenza incubo. In sesta e settima posizione le Ferrari di Leclerc e Sainz, che è riuscito a correre nonostante lo schianto di ieri contro le barriere della ‘Ascari’.

Antonio Giovinazzi (Alfa Romeo), Sergio Perez (Red Bull) e Lance Stroll (Aston Martin) concludono la top ten. Mentre Pierre Gasly è fuori a causa di un incidente a pochi secondi dalla partenza. La gara sprint assegna dunque tre punti a Bottas, due punti a Verstappen e uno a Ricciardo.

VERSTAPPEN: “NON SONO PREOCCUPATO DALLE MCLAREN”

“Innanzitutto è fantastico essere qui con dei tifosi speciali e vincere per la prima volta nella mia vita una medaglia (premio assegnato dalla Sprint Qualifying, ndr). È andata meglio del previsto e abbiamo portato a casa anche dei punti. Le Mercedes vanno veloce e io ho cercato di essere all’altezza, ma voglio attaccare domani. Abbiamo configurato la nostra velocità di punta al meglio, non sono preoccupato dalle McLaren, che sono comunque molto veloci”. Così Max Verstappen al termine della Sprint Qualifying a Monza. L’olandese, che ha anche guadagnato due punti in classifica, partirà domani per primo.

HAMILTON: “DOMANI SARÀ VITTORIA FACILE PER MAX”

“In partenza ho trovato troppo skating. Non mi aspettavo di ritrovarmi dietro alle McLaren e di questo me ne assumo le responsabilità: è solo colpa mia. Ho perso punti oggi, ma cercherò ora di dare il meglio domani. Penso che la Red Bull sia ancora la migliore macchina, tuttavia noi siamo più forti in questo week-end. Penso però che domani Verstappen avrà una vittoria facile. Io dovrò cercare in tutti i modi di arrivare secondo”. Così Lewis Hamilton, che ha concluso come quinto la Sprint Qualifying di Monza, essendo però partito per secondo a fianco del suo compagno Valtteri Bottas.

BOTTAS: “MI SENTO BENE, SCONTENTO PER LA PENALITÀ”

“Mi sento bene, era passato un po’ di tempo da quando sono arrivato per primo in una gara. Sono un po’ scontento del fatto che partirò per ultimo domani, ma sono soddisfatto della gara di oggi, molto pulita e fatta bene. Abbiamo una grande chance domani come scuderia e io cercherò di dare il mio contributo”. Così Valtteri Bottas, che ha vinto la gara sprint di oggi a Monza, ma partirà dall’ultima fila dopo la penalità arrivata dalla Fia a causa del cambio della sua power unit delle prove libere di ieri.

LECLERC: “NON STO BENISSIMO, MA PROVERÒ A DARE IL MASSIMO”

“Ho vissuto giorni migliori, non sto benissimo. L’importante però è dare tutto in pista. La McLaren è forte qui in questo week-end, ma noi cercheremo di massimizzare i nostri punti forti e attaccare. La chiave per domani saranno i primi due giri, per provare a collaudare il set-up di gomme e motore. Penso che più di così non sia stato possibile fare, ma domani possiamo mettere pressione alla McLaren. Gasly e Bottas (ultimi rispettivamente per incidente e penalità, ndr) aggiungono imprevedibilità alla gara e questo può essere un fattore”. Così ai microfoni di Sky Sport, Charles Leclerc, che si è qualificato come sesto alla Sprint Qualifying di Monza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Formula 1, a Monza Bottas vince la Sprint Qualifying ma viene penalizzato: pole Verstappen proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *