Cervello, scoperto “centro scommesse” che calcola i rischi
13 Marzo 2008
Nasce l’Unione per il Mediterraneo
16 Marzo 2008
Mostra tutto

Trenta milioni di card fedeltà ogni anno

 

Secondo uno studio dell’Osservatorio Loyalty Cards dell’università di Parma condotto sulla grande distribuzione, il mercato italiano delle promozioni al consumo vale tra i 2500 e 2800 milioni di euro, ogni anno vengono emesse 30 milioni di carte fedeltà e l’80% delle famiglie italiane utilizza 3 o più tessere.

 

Secondo uno studio dell’Osservatorio Loyalty Cards dell’università di Parma condotto sulla grande distribuzione, il mercato italiano delle promozioni al consumo vale tra i 2500 e 2800 milioni di euro, ogni anno vengono emesse 30 milioni di carte fedeltà e l’80% delle famiglie italiane utilizza 3 o più tessere.

Le motivazioni che spingono un potenziale cliente a richiedere la tessere fedeltà possono essere molteplici: la maggior parte dei clienti è attratto dagli sconti sulla spesa, dalla chance di fruire di offerte speciali e per accedere a raccolte punti che danno diritto a regali. Quello delle tessere è un vero e proprio boom. I clienti che utilizzano il catalogo hanno una frequenza di visita al punto vendita doppia rispetto alla media della clientela e la loro spesa totale annua è tre volte quella di un cliente che non partecipa al catalogo.

L’idea di fidelizzare il cliente con un regalo si è manifestata per la prima volta in Italia nel 1875 con la famosissima raccolta delle figurine Lebing che si trovavano nei barattoli dell’estratto di carne a cui seguirono numerosi altri casi di raccolte di figurine. Dopo il fenomeno figurine esplose quello dei “bollini”. Una delle prime raccolte fu quella lanciata da Mulino Bianco che dalla fine degli anni settanta decise di stimolare la fedeltà ai suoi prodotti con dei premi che esprimessero i valori del marchio. Oggi la prima “consumer collection” italiana è quella Granarolo che dal 1995 propone una raccolta a punti con regali di grande successo, visto che ogni anno vengono richiesti da 700.000 a 1.000.000 di premi.

I bollini adesivi, soggetti a falsificazione o a usura, sono sempre più spesso sostituiti dalle card in plastica (con codice a barre stampato, con banda magnetica o con microchip), più pratiche e affidabili. Ogni tessera fedeltà contiene tutte le informazioni relative ai nostri consumi e molti rabbrividiscono solo all’idea: dati importantissimi per le aziende che li utilizzano per pianificare le loro strategie di marketing.

 

Claudia Lucianelli

Comments are closed.