Piano casa, il no delle Regioni
25 Marzo 2009
Biotestamento, dopo la bagarre al Senato arriva il primo sì
26 Marzo 2009
Mostra tutto

Paletti abusivi sradicati dalla polizia a Santa Caterina

 CASTELLAMMARE DI STABIA – Rione Santa Caterina, anno 2008. L’anno scorso il blitz. Spazio grande quanto un fazzoletto, vengono sradicati dall’asfalto decine di paletti abusivi. Stessa strada, stessa ragnatela delle viuzze limitrofe, ieri mattina. Il bilancio è di 10 paletti sequestrati. Fotografia di ieri e di oggi.

 CASTELLAMMARE DI STABIA – Rione Santa Caterina, anno 2008. L’anno scorso il blitz. Spazio grande quanto un fazzoletto, vengono sradicati dall’asfalto decine di paletti abusivi. Stessa strada, stessa ragnatela delle viuzze limitrofe, ieri mattina. Il bilancio è di 10 paletti sequestrati. Fotografia di ieri e di oggi.

Ora tutto come prima, il ripristino della legalità minima passa come un forte vento, spazza via tutto e tutto torna come prima nel giro di pochi giorni. Rione Santa Caterina, dove da qualche mese si è tornato a sparare. Ieri polizia e vigili urbani piombati nel cuore della mattinata hanno trovato i paletti abusivi, sistemati con tanto di lucchetto per riservarsi il posto auto sul suolo pubblico, erano stavolta stati riempiti di cemento armato. Non più vuoti, fragili come fuscelli per il flex dei vigili del fuoco. Ma pesanti, inamovibili. E i pompieri hanno avuto un bel daffare per sradicarli dal terreno. Nei vicoli del rione sono intervenuti gli agenti di polizia del locale commissariato, agli ordini del primo dirigente Luigi Petrillo e del vicequestore Stefania Grasso, insieme ai vigili stabiesi guidati dal comandante Lucio Cosenza. Dalle prime indagini è poi emerso che molti dei paletti abusivi erano sistemati davanti alle abitazioni di noti pregiudicati della zona. Che, con questo sistema, avevano deciso di garantirsi il posto auto sul suolo pubblico. Una storia che andava avanti da mesi e che è stata scoperta dalle forze dell’ordine grazie anche a delle segnalazioni anonime giunte negli uffici del commissariato. “È stata una operazione che abbiamo sollecitato e sostenuto – fanno sapere dal comando vigili – e poi era necessario dare un segnale di presenza sul territorio visto che tra i nostri obiettivi c’è il recupero della legalità”. Nel corso dell’operazione sono stati segnalati abusi edilizi ed elevate contravvenzioni. Sono stati avviati anche controlli su diverse automobili abbandonate e senza assicurazione: se si riuscirà a risalire ai proprietari fioccheranno multe salate e verrà imposta la rimozione, altrimenti ci penserà il Comune “Ci siamo dovuti difendere dal menefreghismo della gente che parcheggiava qui senza rispetto e ci murava in casa – parole diverse ma concetti simili per tutti tra i residenti del rione – ora che togliete i paletti, sarete obbligati a controllare il territorio, a difenderci da chi ci blocca in casa”. La richiesta è stata accolta dai vertici delle forze dell’ordine che hanno garantito: “Vigileremo noi in prima persona e solleciteremo le forze dell’ordine a controllare con frequenza. Nessuno dovrà più difendere il suo territorio con i paletti”.

FRANCESCO FUSCO

Comments are closed.