Guerra al “punteruolo rosso”
5 Febbraio 2008
Il casino di Sanremo va online
7 Febbraio 2008
Mostra tutto

Niente bus a Carnevale

CASTELLAMMARE DI STABIA. Paura per la battaglia del Carnevale, diverse società pubbliche di trasporti orientate a sospendere il servizio per l’intera giornata di martedì grasso. Del black out dei trasporti se n’è discusso l’altro giorno in una riunione che ha visto protagonisti i vertici aziendali di alcune ditte di trasporto su gomma dell’area stabiese.

CASTELLAMMARE DI STABIA. Paura per la battaglia del Carnevale, diverse società pubbliche di trasporti orientate a sospendere il servizio per l’intera giornata di martedì grasso. Del black out dei trasporti se n’è discusso l’altro giorno in una riunione che ha visto protagonisti i vertici aziendali di alcune ditte di trasporto su gomma dell’area stabiese. Difficile però giungere ad un blocco delle corse, visto che si tratta di un servizio pubblico che, proprio per questo, non può essere interrotto. Ad ogni modo cresce la tensione a Castellammare e dintorni in vista del giorno di carnevale che, spesso, si è purtroppo trasformato in una giornata di guerriglia urbana. I primi segnali giungono proprio da Castellammare, dove già sabato scorso e negli ultimi giorni sono stati registrati degli atti di vandalismo che hanno portato al lancio di arance nei confronti di alcune automobili. Un “gioco” sicuramente pericoloso e reso ancora più grave dalle cattive condizioni atmosferiche che, nei giorni scorsi, avevano già reso la strada pericolosa per gli automobilisti. Nel mirino delle baby gang finiscono in maniera particolare gli autobus di linea della Sita, ma anche i pullman privati non vengono risparmiati, così come anche i camionisti e persino qualche taxi ha dovuto fare i conti in passato con una situazione a dir poco spregevole. Inizia con largo anticipo dunque nell’area stabiese la cosiddetta “battaglia del Carnevale”, festa che spesso e volentieri provoca molti danni un po’ in tutto il comprensorio. Intanto, per cercare di limitare i danni, anche l’amministrazione comunale di Castellammare (dopo quella di Sant’Antonio Abate) ha vietato fino a martedì sera la vendita di uova, arance e bombolette spray. “Abbiamo cercato in questo modo – commenta il sindaco Salvatore Vozza – di evitare che la festa del martedì grasso possa tramutarsi in una giornata di problemi per l’intera popolazione. E’ la terza volta che adoperiamo questa misura in città e siamo certi che porterà risultati concreti alla nostra battaglia ingaggiata contro chi non vuole che la giornata di Carnevale possa trascorrere in maniera serena e tranquilla”. Intanto per oggi è previsto un servizio straordinario da parte delle forze dell’ordine, che monitoreranno per l’intera giornata tutte le strade definite “maggiormente a rischio” della città.

FRANCESCO FUSCO

Comments are closed.