Aborto terapeutico a Napoli: il Garante privacy avvia accertamenti
14 Febbraio 2008
Più viaggi, ma anche più brevi
19 Febbraio 2008
Mostra tutto

Lo Scirè, erede del Regio Sommergibile

Porta il nome del regio sommergibile Scire', varato nel 1938 e protagonista di numerose azioni durante la seconda guerra mondiale, il sottomarino, classe Todaro, che ha ricevuto oggi la bandiera di combattimento a Livorno. Il nuovo Scire', varato il 18 dicembre 2004 nei cantieri Fincantieri del Muggiano, alla Spezia, e' lungo 56 metri e largo 7. Si tratta di una unita' di ultima generazione, con un sistema di propulsione indipendente dall'aria (Aip, Air indipendent propulsion).

Porta il nome del regio sommergibile Scire’, varato nel 1938 e protagonista di numerose azioni durante la seconda guerra mondiale, il sottomarino, classe Todaro, che ha ricevuto oggi la bandiera di combattimento a Livorno. Il nuovo Scire’, varato il 18 dicembre 2004 nei cantieri Fincantieri del Muggiano, alla Spezia, e’ lungo 56 metri e largo 7. Si tratta di una unita’ di ultima generazione, con un sistema di propulsione indipendente dall’aria (Aip, Air indipendent propulsion).

La sua velocita’ in superficie e’ di 12 nodi, mentre quella in immersione e’ di 20 nodi. L’ armamento e’ composto da sei tubi lanciasiluri da 533mm e siluri Whitehead A184-3. L’equipaggio e’ composto da 27 uomini, l’autonomia e’ di circa ottomila miglia a otto nodi in superficie e circa 420 miglia a otto nodi in immersione. Dopo aver superato tutti i test di controllo, lo Scire’ e’ stato impiegato a largo di Capo Teulada, in Sardegna, dove si sono svolte le operazioni dell’esercitazione Mare Aperto 2007. Lo Scire’ eredita il nome dell’unita’ della Classe Adua che opero’ durante la seconda guerra mondiale in numerose missioni nel Mediterraneo. Un nome preso dalla localita’ dell’Etiopia in cui, nel 1936, l’Esercito italiano fu vittorioso sull’armata del Ras Immiru’. Nel 1940 trasporto’ i mezzi d’assalto della X Mas. La sua missione piu’ importante e’ stata nel dicembre 1941, nel porto di Alessandria, quando trasporto’ gli incursori di Marina nell’attacco a due portaerei e un cacciatorpediniere inglesi. Lo Scire’ fu affondato nelle acque di Haifa, nell’agosto 1942, da parte di una unita’ inglese. Nel 1984, in occasione di attivita’ subacquee sul fondale di 30 metri, a cura della nave italiana Anteo, vennero recuperati e riportati in Italia i resti di 42 membri dell’equipaggio.

Barbara Lucianelli

Comments are closed.