L’Aquila, altra forte scossa: nessun rischio per il G8
3 Luglio 2009
Il Papa a Berlusconi: «Aumentare e non ridurre gli aiuti ai Paesi poveri»
4 Luglio 2009
Mostra tutto

L’ansia da esame? Si sente col naso

L’ansia da esame è ‘contagiosa’ e si sprigiona tramite odori nascosti nel sudore degli studenti alle prese con le verifiche di fine anno scolastico, diffondendosi ai loro compagni di corso. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista PLoS One da Bettina Pause dell’Universita’ di Dusseldorf, Germania condotto su 49 studenti. Non solo gli animali, ma anche gli esseri umani comunicano anche senza parlare, cioè attraverso messaggeri chimici sprigionati dal corpo, i ferormoni.

L’ansia da esame è ‘contagiosa’ e si sprigiona tramite odori nascosti nel sudore degli studenti alle prese con le verifiche di fine anno scolastico, diffondendosi ai loro compagni di corso. Lo rivela uno studio pubblicato sulla rivista PLoS One da Bettina Pause dell’Universita’ di Dusseldorf, Germania condotto su 49 studenti. Non solo gli animali, ma anche gli esseri umani comunicano anche senza parlare, cioè attraverso messaggeri chimici sprigionati dal corpo, i ferormoni.

Si tratta di veri e propri ‘araldi’ molecolari che avvertono chi ci sta a fianco delle sensazioni che stiamo provando; il tutto avviene in maniera inconscia attraverso l’olfatto che capta questi segnali e li lascia elaborare dal cervello. Gli animali usano i ferormoni per molti aspetti della vita sociale, per esempio comunicano situazioni di pericolo e quindi dando un ‘Sos’ di fuga, o si corteggiano. Anche se noi possiamo comunicare attraverso la parola, questi segnali olfattivi inconsci funzionano ancora. Cosi’ gli esperti hanno visto che segnali mandiamo quando siamo sotto esame e quindi comprensibilmente ansiosi. Per scoprirlo hanno tamponato il sudore di un gruppo di studenti un’ora prima dell’esame orale finale e poi hanno preso loro un altro campione di sudore prima di una lezione di ginnastica. I tamponi sono stati fatti odorare ad altri studenti. Benchè questi non avvertissero differenze tra i due tipi di tampone, gli studenti, monitorati con la risonanza magnetica funzionale per sondare la reazione del loro cervello al sentire quegli odori, reagivano in maniera diversa. I tamponi ‘imbevuti’ del sudore pre-esame hanno acceso nel cervello dei compagni di corso aree delle emozioni sociali, dell’empatia (insula, corteccia cingolata, giro fusiforme). Invece gli altri tamponi con il sudore raccolto prima di una prova fisica, non accendono tali aree emotive e dell’empatia. E’ possibile, dunque, che la paura pre-same induca il rilascio di sostanze che trasmettono ansia quando sono respirate, senza che pero’ consciamente i fruitori di questo messaggio se ne rendano conto.

Daniele Romano

Comments are closed.