Silvio Forever non è anti-Berlusconi
22 Marzo 2011
La centrale nucleare di Fukushima (Ansa)
Timori dal reattore 3, fumo nero in cielo
23 Marzo 2011
Mostra tutto

La Giornata Mondiale dell’acqua: un bene da preservare

Oggi è la Giornata  Mondiale dell’acqua istituita dall’Onu nel 1992  per sensibilizzare l’opinione pubblica sul suo utilizzo e consumo. “Acqua per le città” è il titolo dell’edizione 2011 con sede principale a Cape Town con lo slogan  “l’oro  blu sarà sempre più conteso all’interno delle città, oggi sempre di più affollate.”

Oggi è la Giornata  Mondiale dell’acqua istituita dall’Onu nel 1992  per sensibilizzare l’opinione pubblica sul suo utilizzo e consumo. “Acqua per le città” è il titolo dell’edizione 2011 con sede principale a Cape Town con lo slogan  “l’oro  blu sarà sempre più conteso all’interno delle città, oggi sempre di più affollate.”

I dati sul rapporto tra acqua e urbanizzazione, pubblicati sul sito ufficiale del World Water Day 2011 evidenziano che la crescita  della popolazione urbana avanza al ritmo di due persone al secondo. Attualmente la metà della popolazione mondiale vive nelle città, percentuale che entro due decenni salirà al 60%, con punte del 95% nei Paesi in via di sviluppo. In Africa e in Asia, per esempio, si calcola che la popolazione urbana si raddoppierà tra il 2000 e il 2030.
“La sfida delle acque urbane deve essere riconosciuta per quello che realmente è: una crisi di governance, politiche inadeguate e cattiva gestione, piuttosto che una crisi dovuta alla scarsità della risorsa” ha dichiarato il sottosegretario generale delle Nazioni Unite, Joan Clos aggiungendo che “abbiamo bisogno di puntellare la sicurezza idrica contro i problemi dell’inquinamento e del cambiamento climatico, abbiamo bisogno di idee innovative e buone pratiche da attuare”.
Ogni giorno in tutto il mondo vengono scaricati nei corsi d’ acqua  2 milioni di tonnellate  di rifiuti. Nei Paesi in via di sviluppo il 90% di tutte le acque reflue viene immesso, senza essere trattato, direttamente in fiumi, laghi e mari. In tutto il mondo esse sono utilizzate per irrigare 20 milioni di ettari di terra. In occasione della Giornata mondiale dell’ acqua, si tirano un po’ di somme sull’ìoro blu, sulla sua distribuzione e sullo sfruttamento delle risorse idriche del Pianeta. Il bilancio è tutt’ altro che positivo: i dati raccolti dall’ Onu sono poco incoraggianti. Sulla terra 884milioni di persone non hanno a disposizione acqua incontaminata. La mancanza di acqua pulita è all’ origine della diffusione di numerose malattie, tanto che la contaminazione dei bacini idrici provoca, ogni anno, più  morti delle guerre.

Daniele Romano

Comments are closed.