Pensioni, summit a Palazzo Chigi
4 Marzo 2009
Lufthansa sfida Alitalia anche sul Milano-Roma
4 Marzo 2009
Mostra tutto

Il commissario Cimmino: lavorerò per risolvere i problemi della gente

GRAGNANO. “Non mi accontenterò di vivacchiare per attendere la fine del mio mandato, ma lavorerò per affrontare con determinazione i problemi della città”. Pensieri e parole di Umberto Cimmino, commissario prefettizio di Gragnano, alla scadenza dei primi 40 giorni di lavoro dopo la sfiducia al sindaco Michele Serrapica. Sul suo tavolo incombono i problemi più grossi dei cittadini. Su tutti, quello delle pizzerie abusive ancora lontano dalla risoluzione.

GRAGNANO. “Non mi accontenterò di vivacchiare per attendere la fine del mio mandato, ma lavorerò per affrontare con determinazione i problemi della città”. Pensieri e parole di Umberto Cimmino, commissario prefettizio di Gragnano, alla scadenza dei primi 40 giorni di lavoro dopo la sfiducia al sindaco Michele Serrapica. Sul suo tavolo incombono i problemi più grossi dei cittadini. Su tutti, quello delle pizzerie abusive ancora lontano dalla risoluzione.

“Nelle ultime settimane sono state chiuse 18 pizzerie – afferma Cimmino -, ma stiamo lavoranod per capire come e perché si sia giunti a questa scabrosa situazione. Nei prossimi giorni incontrerò tutti i ristoratori e cercheremo di mettere mano al progetto di riperimetrazione della zona rossa, oltre allo statuto comunale e in particolare all’articolo sulle costruzioni condonabili costruite prima del 2003”. Quello delle pizzerie rappresenta un vero e proprio dramma occupazionale per la città, visto che almeno 200 persone rischiano di restare senza lavoro. “Ho cercato di capire bene la situazione – afferma il commissario – e credo che qualcosa si dovrà comunque fare per evitare questo tracollo occupazionale, ma restando sempre nei crismi della legalità”. Nell’agenda del commissario prefettizio non ci sono però soltanto le pizzerie abusive. “Già a partire da questa mattina mi recherò insieme ai tecnici dell’Arpac a via Petrelloni, per togliere lo scempio ambientale rappresentato dalla discarica abusiva sorta nei pressi dell’ex carcere. La pulizia delle strade deve essere un obbligo per chi intende amministrare una città importante come Gragnano”. Ancora, nell’agenda di Cimmino c’è il dissesto delle strade comunali e l’approvazione del Bilancio, or mai alle porte. “Nei prossimi giorni – continua – effettueremo un nuovo screening per le strade cittadine e attueremo degli interventi di ristrutturazione ove ce ne fosse il bisogno. Inoltre, lavoreremo per dare il via libera allo strumento finanziario già redatto dalla precedente amministrazione e c’impegneremo per far funzionare meglio la macchina comunale. Dovrò restare a Gragnano altri tre mesi – conclude il prefetto – e intendo lavorare nell’esclusivo interesse dell’ente rappresentato e dei cittadini”. Intanto sul caso delle pizzerie abusive è intervenuto il coordinamento cittadino del Pdl. “Stiamo seguendo con estrema attenzione l’evolversi della situazione grave in cui versano alcuni importanti imprenditori della ristorazione gragnanese – afferma il coordinatore  Carmine Iovino -. Il Pdl non ha dimenticato che la politica è in primis risoluzione dei problemi e confronto costante con il territorio, per questo molteplici sono ad oggi i contatti per trovare una felice soluzione ai provvedimenti delle autorità che continuano a disporre la chiusura di esercizi commerciali causa la revoca dell’agibilità”.

FRANCESCO FUSCO

Comments are closed.