A Udine l’ultimo saluto a Eluana
12 Febbraio 2009
Istat: Pil 2009 in calo dello 0,9%
13 Febbraio 2009
Mostra tutto

Il cervello percepisce l’invidia come dolore fisico

Alcune emozioni come l’invidia, ma non solo, sono avvertite dal nostro cervello come “percezioni fisiche” di dolore o piacere. L’invidia per esempio, sentimento di cui si ha vergogna e che per questo non si manifesta all’esterno ma si cova in solitudine e chi lo nutre puo’ venirne divorato, è di fatto un vero supplizio: il nostro cervello avverte questa livorosa emozione allo stesso modo di come il nostro corpo sente un qualsiasi dolore fisico. Hidehiko Takahashi dell’Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche di Chiba, in Giappone, lo ha dimostrato utilizzando la risonanza magnetica funzionale per immagini.

Alcune emozioni come l’invidia, ma non solo, sono avvertite dal nostro cervello come “percezioni fisiche” di dolore o piacere. L’invidia per esempio, sentimento di cui si ha vergogna e che per questo non si manifesta all’esterno ma si cova in solitudine e chi lo nutre puo’ venirne divorato, è di fatto un vero supplizio: il nostro cervello avverte questa livorosa emozione allo stesso modo di come il nostro corpo sente un qualsiasi dolore fisico. Hidehiko Takahashi dell’Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche di Chiba, in Giappone, lo ha dimostrato utilizzando la risonanza magnetica funzionale per immagini.

Ma è vissuto come esperienza fisica anche un altro sentimento ancora peggiore dell’invidia: quello del provare piacere dal dolore altrui (non c’è una parola italiana per descrivere quest’emozione, per il quale si prende in prestito il termine tedesco ‘schadenfreudè). Vivere questo sentimento meschino attiva le aree neurali dell’appagamento, ossia da’ una sferzata di piacere come quella che nasce dall’assaporare una barretta di cioccolato, oppure dal sesso o da una droga. E il piacere del dolore altrui è ancora maggiore quando a soffrire è una persona che invidiamo. Resa nota sulla rivista Science, la duplice scoperta della ‘fisicita” di questi due sentimenti è importante perchè mostra come il nostro cervello elabori le emozioni come se fossero sensazioni fisiche (di dolore o piacere): in pratica è come dire che le esperienze sociali e le esperienze fisiche sono elaborate dal cervello allo stesso modo. Gli esperti hanno coinvolto nel loro studio 19 persone e li hanno indotti a provare invidia verso altri individui o addirittura gioire del dolore altrui mentre l’attivita’ del loro cervello veniva scandagliata con la risonanza magnetica funzionale. E’ emerso che l’invidia attiva il piu’ importante ‘snodo’ neurale del dolore fisico della corteccia cerebrale. Al contrario la gioia per il dolore altrui attiva il centro del piacere che viene normalmente attivato quando siamo appagati dal sesso o dal cibo. E il piacere è anche piu’ intenso se c’è di mezzo anche invidia per la persona che ci è cosi’ ostile che il suo dolore ci procura soddisfazione. Il dolore e il piacere sono due sensazioni fisiche che servono alla nostra sopravvivenza, infatti sentire dolore ci induce a fuggire da cio’ che ci provoca tale male. Il piacere al contrario si prova per esempio quando appaghiamo un bisogno anche primario come fame e sete. Ma allora perchè mai il cervello dovrebbe equiparare le esperienze sociali, come il rifiuto o l’apprezzamento altrui o la gelosia per le qualita’ di un altro, a bisogni cosi’ primitivi e al tempo stesso primari per la sopravvivenza quali fame e sete? Semplice, perchè, soprattutto per i nostri antenati, le esperienze sociali erano indispensabili alla sopravvivenza, servivano ad esempio a fare gruppo, essere accettati all’interno della tribu’ senza la quale diveniva piu’ arduo procacciarsi il cibo e quindi sopravvivere. Proprio queste pressioni evolutive potrebbero aver favorito lo sviluppo di meccanismi interni che fanno avvertire come piacevoli i sentimenti positivi nei confronti degli altri, come dolorosi quelli negativi quali l’invidia, al fine di promuovere l’attaccamento al gruppo e assicurarsi cosi’ la sopravvivenza.

Daniele Romano

Comments are closed.