Istat: infazione mai così bassa dal ’96
5 Gennaio 2009
Delegazione della Ue in Egitto e Israele
5 Gennaio 2009
Mostra tutto

Epifania al gelo. Al nord temperature a -25°C

Nord nella morsa del freddo. Il record è del Veneto, dove a Piana di Marcesina, nel vicentino, la colonnina di mercurio è scesa sino a - 25 gradi. Ma sono tante le regioni settentrionali con temperature polari e neve. E freddo e maltempo sono destinati a intensificarsi e a estendersi anche al resto delle Penisola nei prossimi giorni.

Nord nella morsa del freddo. Il record è del Veneto, dove a Piana di Marcesina, nel vicentino, la colonnina di mercurio è scesa sino a – 25 gradi. Ma sono tante le regioni settentrionali con temperature polari e neve. E freddo e maltempo sono destinati a intensificarsi e a estendersi anche al resto delle Penisola nei prossimi giorni.

LA PROTEZIONE CIVILE: «ANTICIPATE IL RIENTRO» – La Protezione civile ha emesso un avviso di avverse condizioni meteorologiche per le nevicate che interesseranno dalle prime ore di domani, giorno dell’Epifania, tutte le regioni del nord e l’Appennino settentrionale. Le nevicate, che potranno essere localmente abbondanti, interesseranno anche le zone di pianura e saranno più intense sul settore nord-occidentale. Le temperature rigide, che già da diversi giorni favoriscono la formazione di ghiaccio, tenderanno a un ulteriore abbassamento, rendendo più marcato il fenomeno delle gelate, che interesserà anche la neve al suolo. La coincidenza tra peggioramento delle condizioni meteo e rientro dalle vacanze di fine anno disegna uno scenario di possibili criticità per il settore dei trasporti, in particolare per quello stradale e autostradale, nel nord del Paese e sull’appennino settentrionale. Il Dipartimento suggerisce quindi di anticipare il rientro dalle vacanze invernali. A tutti coloro che hanno comunque in programma spostamenti per i prossimi giorni, e in particolare per il 6 gennaio, nel Centro e nel Nord del Paese è consigliato, tra l’altro, di munirsi di catene o pneumatici da neve e di avere a bordo bevande calde o altro per rendere meno disagevole le eventuali code, soprattutto se si viaggia con bambini o anziani. Sono, inoltre, da privilegiare le ore diurne per mettersi in viaggio.

VITTIME SULLE STRADE – il gelo ha anche provocato alcuni incidenti stradali mortali: a Lorenzana, in provincia di Pisa, uno scooterista di 31 anni, Francesco Profeti, è morto dopo essere scivolato con la sua Vespa su una lastra di ghiaccio. Nell’astigiano, invece, il fondo stradale reso scivoloso dalle basse temperature ha fatto finire fuori strada una Bmw, provocando la morte di due passeggeri (una donna macedone di 25 anni Biljana Smiljanska, incinta di sei mesi e un bulgaro di 24 anni) e il ferimento di altre due persone.

ANZIANA MORTA IN CASA PER IL FREDDO IN LIGURIA – Ma i problemi per il freddo non ci sono solo sulle strade. Una donna di 74 anni, Elena Marro, è morta per il gelo nella sua abitazione di località Carnovale a Cairo Montenotte in provincia di Savona. La donna era senza riscaldamento e in condizioni fisiche precarie. Il cadavere dell’anziana è stato scoperto lunedì mattina dai vigili del fuoco e dai carabinieri, che sono intervenuti su richiesta dei vicini di casa. Quando i militari e pompieri sono entrati in casa hanno trovato la donna ormai senza vita. Nella notte, il termometro a Cairo Montenotte, un paese tra Liguria e Piemonte, è sceso a meno 10 gradi.

Comments are closed.