Pellegrini, passa la paura
23 Dicembre 2008
Scossa di terremoto tra Parma e Reggio
23 Dicembre 2008
Mostra tutto

Alitalia, ancora caos a Fiumicino

Inizio vacanze ancora tribolato per chi ha deciso di viaggiare con Alitalia. Dopo la giornata nera di lunedì, all'aeroporto di Fiumicino è tornata, per ora, alla normalità l'attività degli addetti ai servizi di pista di Alitalia Airport.

Inizio vacanze ancora tribolato per chi ha deciso di viaggiare con Alitalia. Dopo la giornata nera di lunedì, all’aeroporto di Fiumicino è tornata, per ora, alla normalità l’attività degli addetti ai servizi di pista di Alitalia Airport.
Ma non la situazione delle centinaia di passeggeri ancora bloccati nelle aerostazioni dello scalo romano a causa delle cancellazioni dei voli per le assemblee di ieri dei lavoratori di AZ Airport. Una lunga coda di viaggiatori, in attesa di sapere quando potranno ripartire con i primi voli utili, si è formata davanti alla biglietterie, in particolare davanti alle partenze internazionali. Molti passeggeri, in fila già da diverse ore, a più riprese hanno perso la pazienza con gli impiegati Alitalia e hanno cominciato a urlare «Basta», «Basta, siamo stanchi». In alcuni casi per sedare gli animi è dovuta intervenire la polizia, che sta comunque presidiando l’area per ragioni di sicurezza. In conseguenza delle assemblee spontanee di lunedì , poi sospese, sono stati cancellati finora 25 voli di cui 8 in partenza.

BIVACCHI IN AEROPORTO – Intanto nell’aeroporto sono stati in molti i viaggiatori coinvolti che non riuscendo a trovare un posto per dormire negli alberghi vicini all’aeroporto romano, essendo tutti pieni, hanno trascorso la notte bivaccando sulle poltrone all’interno delle aerostazioni. Per loro, a cura della società di gestione e della Protezione Civile, sono state distribuite coperte pasti e bevande calde. «Rispetto alla situazione di lunedì c’è stata un’evoluzione, abbiamo fatti dei passi avanti, per il momento, non si prevedono assemblee dei lavoratori all’aeroporto di Fiumicino» spiega Silvano Bernacchia, sindacalista di base della Filt Cgil. «Restiamo in attesa di ulteriori sviluppi – sostiene Bernacchia – che dovrebbero emergere con l’incontro previsto oggi alle 17 al centro direzionale di via della Magliana tra i sindacati firmatari (Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uilt e Ugl, ndr.) e i rappresentanti di Cai».

MERIDIANA – Disagi anche per chi ha volato per Meridiana, in particolare da Roma per la Sardegna. Ci sono infatti oltre 500 bagagli di voli Meridiana rimasti a terra lunedì, a Fiumicino (la società che cura i servizi di rampa e carico e scarico bagagli per l’Alitalia coinvolta nella protesta è la stessa che li cura anche per la Meridiana), che stanno per essere trasferiti con un tir in partenza dallo scalo romano per Civitavecchia. Dal porto i bagagli «disguidati» saranno imbarcati su una nave diretta in Sardegna e per mercoledì verranno riconsegnati a Olbia e Cagliari ai legittimi proprietari.

MATTEOLI – Non poteva mancare l’intervento del governo. Non è con «questo tipo di scioperi che si risolvono i problemi» ha sottolineato, intervistato da Sky Tg24, il ministro dei Trasporti, Altero Matteoli, che ha spiegato come la trattativa in corso tra Cai e i sindacati sul tema dei contratti «sta scivolando verso un accordo”. Per tanto secondo il ministro va usato il buon senso perchè «se la compagnia decolla possono esserci prospettive future per chi resta fuori». Il ministro ha spiegato di comprendere «le preoccupazioni dei lavoratori e la loro angoscia rispetto alla perdita del posto di lavoro» ma ha anche aggiunto che per quanto riguarda i criteri di assunzione «Cai rispetterà gli impegni e Letta troverà il modo di far rispettare quegli accordi».

Comments are closed.