Disoccupazione all’orizzonte? De Masi: “La causa non sono solo i licenziamenti”
8 Giugno 2021
Usa, Kamala Harris ai migranti: “Non venite, vi rimanderemo indietro”
8 Giugno 2021
Mostra tutto

Ex Ilva, arrestato l’avvocato Amara e obbligo di dimora per l’ex procuratore Capristo

ex-ilva,-arrestato-l’avvocato-amara-e-obbligo-di-dimora-per-l’ex-procuratore-capristo

POTENZA – La procura della Repubblica di Potenza, dopo aver coordinato e diretto complesse indagini svolte dalla polizia giudiziaria, ha dato esecuzione ad un’ordinanza di misura cautelare personale nei confronti di Carlo Maria Capristo, già procuratore della Repubblica di Trani e Taranto, Giacomo Ragno, avvocato del foro di Trani, Piero Amara, avvocato e consulente dell’Eni e dell’ex Ilva, Nicola Nicoletti, socio PWC e già consulente esterno della struttura commissariale dell’Ilva, e Filippo Paradiso, della polizia di stato, in servizio presso il ministero degli Interni.

Per Capristo è stato disposto l’obbligo di dimora a Bari. L’indagine riguarda “specifici episodi corruttivi in atti giudiziari”. In particolare, Capristo avrebbe tentato di accreditare l’avvocato Amara presso Eni e quest’ultimo presso l’Ilva insieme a Nicoletti, al fine di agevolarne l’ascesa professionale. Le indagini hanno avuto inizio a giugno 2020, dopo le prime accuse nei confronti del procuratore Capristo, sfociate in una misura cautelare a maggio 2020 e nel successivo rinvio a giudizio degli imputati. Per Ragno e Nicoletti sono stati disposti gli arresti domiciliari, mentre per Amara e Paradiso il carcere. Disposto anche il sequestro preventivo di 278mila euro nei confronti di Ragno, somma ritenuta “provento del delitto di corruzione in atti giudiziari e del delitto di concussione”. Nell’inchiesta risultano altri cinque indagati.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Ex Ilva, arrestato l’avvocato Amara e obbligo di dimora per l’ex procuratore Capristo proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *