“Facciamo luce sul teatro”, lavoratori in protesta
22 Febbraio 2021
Proteste in Catalogna, frattura fra studenti e Madrid
2 Marzo 2021
Mostra tutto

De Luca: “Da lunedì saranno chiuse tutte le scuole”

NAPOLI – Il Governatore della Regione Campania Vincenzo De Luca ha rilasciato, attraverso una diretta sui propri profili istituzionali, i consueti dati Covid settimanali, facendo il punto sulla campagna vaccinale in atto e sulle decisioni che saranno adottate nei prossimi giorni riguardo le scuole in Campania.

SCUOLE

Abbiamo registrato la presenza di variante inglese sui positivi nelle scuole. Non vogliamo aspettare ci sia un’epidemia delle varianti. Le scuole di ogni ordine e grado da lunedì 1 marzo saranno chiuse. Dobbiamo limitare la diffusione delle varianti e avere il tempo per vaccinare tutto il personale scolastico. Le dosi di vaccino Astrazeneca nel mese di marzo sono 164.000. Dopo aver completato la campagna vaccinale scolastica potremo parlare di riapertura. Stiamo racimolando vaccini parlando con aziende di produzione ufficiali senza intermediari. Tutte le dosi saranno approvate dalle autorità di controllo come L’AIFA.

GOVERNO

Dobbiamo avere pazienza nei confronti di questo Governo. Ci sono troppe iniziative. E’ illusorio aspettarsi miracoli. Avremo una grande difficoltà nel rapporto tra territori e Governo. Fare ordinanze è inutile se il Paese resta abbandonato a sé stesso. Se non si ha un controllo rigoroso le fasce e le zone di contagio sono inutili. Mi aspetto che non ci sia nessuno in strada senza mascherina. Per ottenere ciò sono necessarie misure di repressione chiare. Se si infrangono le regole in Italia non succede nulla. Senza soluzioni del Governo il calvario sarà prolungato di mesi.

COVID

Si doveva ragionare sulla produzione italiana dei vaccini. Era la prima cosa a cui pensare, ma nessuno lo ha fatto. La seconda azione da compiere era una distribuzione equa dei vaccini. Cosa che non è stata fatta. La Campania ha ricevuto meno dosi rispetto alle altre Regioni in rapporto alla popolazione. La carenza di vaccini è responsabilità dell’Unione Europea, delle case produttrici e di conseguenza anche dell’Italia. Sono gravi i tempi di controllo affinché ci sia l’accreditamento dei vaccini. Siamo di fronte ad una ripresa del contagio. Da alcuni giorni in Campania vengono rilevati oltre 2.000 casi. Siamo arrivati alla terza ondata e seguiamo ancora oggi la logica di apertura e chiusura. Io propongo ancora una volta una chiusura prolungata oggi per riaprire definitivamente domani.Dobbiamo frenare la diffusione del contagio per evitare la chiusura di altri reparti non Covid. Non si muore solo di Coronavirus.Stia mo fornendo come promesso le certificazioni a coloro che hanno completato il ciclo di vaccinazioni.

ECONOMIA

Abbiamo rinnovato la richiesta al Premier Draghi di organizzare un incontro con i Governatori del Sud Italia per stabilire quanti fondi del Recovery Plan andranno al meridione. Il quadro normativo italiano rende impossibile gli investimenti produttivi. Alcune figure tecniche nel Governo mi trasmettono solo pessimismo per l’avvenire. La speranza però è l’ultima a morire. In Campania abbiamo pubblicato il bando per selezionare società di progettazione per definire progetti esecutivi per grandi opere nel campo dell’infrastrutture, ambiente e trasporti. Proseguono gli investimenti nel campo dei trasporti e diventiamo sempre più efficienti nella riduzione della tempistica dei pagamenti. Valutiamo in queste ore il piano per avviare il lavoro giovanile in ambito amministrativo all’interno della Regione.

IN CONCLUSIONE

Dobbiamo capire che proprio perché viviamo in un Paese difficile, ci vuole ancora più responsabilità. E’ necessario avere senso del dovere e spirito di sacrificio. Avremo settimane difficili davanti a noi. Dobbiamo fermare questa diffusione di contagio. Noi non ci assumeremo la responsabilità di far propagare il virus tra ragazzi e ragazze nelle scuole. Nessuno prende decisioni difficili con piacere. Dobbiamo fare questo per i nostri figli e per gli anziani.

Bruno Aiello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *