Scontri tra manifestanti e forze dell'ordine (Ansa)
Protesta ad Arcore, dopo c’è il caos
6 Febbraio 2011
La Cgil Campania in piazza per la scuola
7 Febbraio 2011
Mostra tutto

Incendio in campo Rom, muoiono quattro bimbi

La disperazione della mamma dei quattro fratellini (Ansa)

Un incendio divampato in una baracca in un campo Rom abusivo sulla via Appia Nuova a Roma ha causato la morte di quattro fratelli, 3 maschi e una femmina. I quattro bimbi, avevano 4, 5, 8 e 11 anni. Rintracciate quattro persone che mancavano all’appello. Forse il rogo è stato provocato da un tizzone ancora ardente contenuto in un braciere, utilizzato per riscaldare l’ambiente.
“Ora potrei morire anch’io, non ho più parole”. A parlare è il padre dei bimbi morti nell’incendio. 
“Aiutateci. Dateci assistenza”. Hanno chiesto al sindaco di Roma Gianni Alemanno i genitori delle quattro giovani vittime. I genitori hanno riferito al sindaco che intendono celebrare i funerali in Romania.

C’erano in tutto cinque baracche all’interno dell’insediamento abusivo a Roma. In passato l’insediamento era stato più volte sgomberato, ma i nomadi erano tornati con i loro accampamenti. Solo una baracca è stata distrutta dalle fiamme. All’interno di quest’ultima c’era un nucleo familiare composto da sette persone tra cui i quattro bambini morti.

LASCIATI SOLI, DORMIVANO – Sarebbero morti nel sonno i quattro bambini rom rimasti carbonizzati nell’incendio in un insediamento abusivo a Roma. Lo hanno riferito alcuni familiari che si trovano sul posto. Secondo una prima ricostruzione fatta dagli abitanti del campo, i bimbi erano stati lasciati soli mentre dormivano: la madre si era allontanata per comprare del cibo in un fast food e una zia era andata a prendere acqua. Davanti al campo ci sono gli abitanti rom sconvolti che si stringono attorno alla madre e al padre dei bimbi in lacrime. Da ore si sentono le urla strazianti della madre che piange avvolta nell’abbraccio di suo marito. Alcuni rom girano con delle coperte per proteggersi dal freddo, altri, ancora scossi, si sono appartati in un angolo cercando di tenersi lontani da fotografi e cronisti. Secondo quanto si è appreso, nel campo vivevano in tutto circa 20 persone.

ALEMANNO,VIA DA ROMA MALEDETTI CAMPI ABUSIVI – “Via da Roma maledetti campi abusivi”. Lo ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno arrivando alla baraccopoli di Tor Fiscale, dove sono morti carbonizzati quattro bambini. “Queste burocrazie maledette che hanno bloccato il nostro piano nomadi – ha detto Alemanno – hanno prodotto questo effetto”. “Domani chiederò, urlando, al governo poteri speciali per gli insediamenti dei rom”, ha aggiunto Alemanno.
“Chiederò al governo i poteri affinché il prefetto possa realizzare i campi rom autorizzati a Roma”, ha continuato il sindaco. Alemanno è entrato più volte nell’area dell’insediamento in cui stasera è avvenuta la tragedia. La decisione di rivolgersi al governo è stata espressa dal sindaco con voce risoluta dopo una terza visita alla baraccopoli. “Dobbiamo costruire campi autorizzati, ben attrezzati e in grado di garantire condizioni di sicurezza per queste persone. A Roma ci sono già tre aree in cui questo è possibile”.

POLVERINI,PIU’ SFORZI CONTRO CAMPI ABUSIVI
– “Una morte atroce che ci addolora profondamente”. Ad affermarlo è la presidente della Regione Lazio Renata Polverini. “Ancora un rogo – ha aggiunto – in cui a perdere la vita sono dei bambini. Attendiamo di conoscere le cause che hanno portato all’incendio ma questa tragedia ripropone l’urgenza di accelerare e moltiplicare tutti gli sforzi necessari per chiudere gli insediamenti abusivi e consentire a queste comunità presenti sul nostro territorio di vivere in contesti sicuri e dignitosi. La Regione è già intervenuta in un campo in provincia di Latina dove, in collaborazione con il Comune, ha messo a disposizione abitazioni a norma. Occorre fare in modo – ha concluso Polverini – con il contributo di tutti i soggetti interessati e attraverso un’azione coordinata delle rispettive competenze, che simili tragedie non accadano più”.

BELVISO, TRAGEDIA TOCCA TUTTI NOI  – “Siamo sconvolti. Non ci sono parole per commentare una tragedia simile che ci tocca tutti”. Lo ha detto l’assessore capitolino alle Politiche sociali Sveva Belviso. “Il nostro primo pensiero – ha aggiunto – va ai quattro bambini morti nell’incendio. Ai loro familiari va il nostro cordoglio e la nostra vicinanza”.

MONTINO(PD), EPISODIO ATTO ACCUSA A TUTTI  – “La morte di quattro bambini è una tragedia che sgomenta, è difficile non vedere in questo terribile episodio anche un atto d’accusa che riguarda tutti”. E’ quanto afferma il capo gruppo Pd al consiglio regionale del Lazio, Esterino Montino. “Nella prima serata di una tranquilla domenica – aggiunge – l’emarginazione, le sacche di abbandono che proliferano in questa città hanno fatto irruzione colpendo ancora la popolazione rom di Roma”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *