De Lise (Ungdcec), Nucera (Adc) e De Angelis (Aiga): finanziare il ‘DL Malattia professionisti’ con i risparmi dell’esonero contributivo
13 Settembre 2021
Le donne di ‘The Last 20’: “Né talebani, né imperialismo”
13 Settembre 2021
Mostra tutto

Covid, 2.800 nuovi contagi: non scendevano sotto i 3.000 da metà luglio

covid,-2800-nuovi-contagi:-non-scendevano-sotto-i-3.000-da-meta-luglio

ROMA – Sono 2.800 i nuovi contagi (ieri 4.664) e 36 i nuovi decessi (ieri 34). È quanto emerge dal bollettino odierno dell’emergenza Covid-19 del ministero della Salute.

Dall’inizio dell’epidemia il numero di persone che hanno contratto il virus Sars-CoV-2, compresi guariti e deceduti, sono 4.609.205, mentre il totale delle vittime, da febbraio dello scorso anno, ha raggiunto il numero di 129.955 vittime. Le persone guarite o dimesse sono complessivamente 4.353.346, mentre quelle attualmente positive sono in tutto 125.904, -1.430 rispetto a ieri (-292 il giorno prima). A fronte di 120.045 tamponi totali, che comprendono quelli molecolari e gli antigenici, 147.313 in meno rispetto ai 267.358 di ieri, il tasso di positività è del 2,3% (l’approssimazione di 2,33%), mentre ieri era pari a 1,7%.

Oggi i contagi sono sotto la soglia di 3mila, non succedeva da metà luglio. Rispetto allo scorso lunedì, nella giornata odierna si registrano meno nuove infezioni del 6 settembre con un rapporto di casi su test inferiore (2,3% contro 2,5%), mentre il trend della curva è in lenta discesa.

Capitolo sistema sanitario: in aumento le degenze in ogni area. Nei reparti Covid ordinari i posti letto occupati sono +87 (ieri -4), per un totale di 4.200 ricoverati. I posti letto occupati in terapia intensiva (TI) sono +4 (ieri +12): il numero totale dei malati più gravi è pari a 563, con 35 ingressi in rianimazione (ieri 36).

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

L’articolo Covid, 2.800 nuovi contagi: non scendevano sotto i 3.000 da metà luglio proviene da Ragionieri e previdenza.

continua a leggere sul sito di riferimento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *