domenica, Giugno 23, 2024
HomeAttualitàAgroalimentare:in IV trim. 2023 +0,2% Pil ma valore aggiunto -5,7%

Agroalimentare:in IV trim. 2023 +0,2% Pil ma valore aggiunto -5,7%

Date:

Articoli correlati

E la favola continua, Ultimo: “Non mi fermo, altro tour Stadi 2025″

L’annuncio nel primo emozionante live dei tre sold out...

In Franciacorta arriva il BAO Music Festival

L’Associazione Lampedée presenta prima edizione tra natura e arte Milano,...

Love Advisor, manuale sui migliori (o peggiori) fidanzati e amanti

Pellizzari fa riflettere con ironia le donne davanti all’amore Milano,...

I dati dell’ultimo bollettino CreaAgritrend

Roma, 29 apr. (askanews) – Lieve miglioramento della performance economica nel IV trimestre 2023, con un leggero aumento del PIL nei confronti del trimestre precedente (+0,2%) e del terzo trimestre del 2022 (+0,6%), a cui però corrisponde una flessione del valore aggiunto (dati tendenziali), in particolare: agricoltura (-5,7%), industria (+1,1%) e servizi (-0,1%).

Rispetto al trimestre precedente, in flessione di -0,9% i consumi finali nazionali, in aumento di +2,4% gli investimenti fissi lordi e di +0,8% la spesa delle famiglie per beni durevoli. È quanto emerge dalla fotografia scattata nel quarto trimestre del 2023 da CREAgritrend, il bollettino trimestrale messo a punto dal CREA, con il suo Centro di Ricerca Politiche e Bioeconomia.

Rispetto allo stesso periodo del 2022, fra ottobre e dicembre 2023, l’indice della produzione ha registrato un incremento per l’industria alimentare (+0,7%) e una flessione per l’industria delle bevande (-6,3%).

Continuano a crescere anche nel IV trimestre 2023 le esportazioni agroalimentari che si attestano sui 16,6 miliardi di euro (+ 6% rispetto al IV trimestre 2022), verso tutti i principali mercati esteri, in particolare la Germania, principale mercato di destinazione, in aumento Stati Uniti (+13%) e Polonia (+12,3%), rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

In flessione (-3,6%) le importazioni, che raggiungono i 16,2 miliardi, con un andamento differenziato: in aumento da alcuni fornitori, come Francia, Germania e Spagna, e in flessione da altri, in particolare dalla Grecia (-26,2% in valore). I prodotti maggiormente esportati sono stati i vini (+2,8%), frutta fresca, legumi e ortaggi freschi. Sul fronte delle importazioni si segnalano aumenti in valore molto elevati per le carni fresche e congelate primo comparto di importazione, a fronte di cali per altri importanti comparti, come il lattiero-caseario e gli “oli e grassi”.

Ultimi pubblicati