giovedì, Giugno 1, 2023
HomeAttualitàOrganizzazione meteorologica mondiale: i prossimi cinque anni saranno i più caldi della...

Organizzazione meteorologica mondiale: i prossimi cinque anni saranno i più caldi della storia

Date:

Articoli correlati

A Como la Naturalis Historia del fotografo Mario De Biasi

In occasione delle celebrazioni dedicate a Plinio il Vecchio Milano,...

Lo studio Mario Cucinella Architects vince l’Architizer A+Awards

Per il progetto della Chiesa di Santa Maria Goretti Milano,...

Morte Emilio Rigamonti, il cordoglio dell’azienda: perdiamo un pilastro

Ci siamo confrontati fino all’ultimo, era soddisfatto dell’arrivo di...

È probabile che le temperature globalisaliranno a livelli record

Roma, 17 mag. (askanews) – È probabile che le temperature globali saliranno a livelli record nei prossimi cinque anni, alimentate dai gas serra che intrappolano il calore e da un evento naturale di El Ninho. Lo afferma l’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM) in un nuovo aggiornamento delle sue stime.

C’è una probabilità del 66% che la temperatura globale media annuale vicino alla superficie tra il 2023 e il 2027 sarà superiore di oltre 1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli preindustriali per almeno un anno. C’è una probabilità del 98% che almeno uno dei prossimi cinque anni, e il quinquennio nel suo insieme, sarà il più caldo mai registrato.

“Questo rapporto non significa che supereremo permanentemente il livello di 1,5 gradi specificato nell’accordo di Parigi che si riferisce al riscaldamento a lungo termine per molti anni. Tuttavia, l’OMM sta lanciando l’allarme che supereremo temporaneamente il livello di 1,5 gradi con frequenza crescente”, ha dichiarato il segretario generale dell’OMM, Petteri Taalas. “Si prevede che nei prossimi mesi si svilupperà un riscaldamento di El Ninho e questo si combinerà con il cambiamento climatico indotto dall’uomo per spingere le temperature globali in un territorio inesplorato”, ha affermato. “Ciò avrà ripercussioni di vasta portata per la salute, la sicurezza alimentare, la gestione dell’acqua e l’ambiente. Dobbiamo essere preparati”, ha aggiunto Taalas.

C’è solo una probabilità del 32% che la media quinquennale superi la soglia di 1,5 gradi centigradi secondo il “Global Annual to Decadal Climate Update” prodotto dal Met Office del Regno Unito, il centro principale dell’OMM per le previsioni.

La possibilità di superare temporaneamente 1,5°C è aumentata costantemente dal 2015, quando era vicina allo zero. Per gli anni tra il 2017 e il 2021, c’era una probabilità del 10 per cento di superamento. “Si prevede che le temperature medie globali continueranno ad aumentare, allontanandoci sempre di più dal clima a cui siamo abituati”, ha affermato il dottor Leon Hermanson, uno scienziato esperto del Met Office che ha guidato il rapporto.

Oltre all’aumento delle temperature globali, i gas serra indotti dall’uomo stanno portando a un maggiore riscaldamento e acidificazione degli oceani, allo scioglimento dei ghiacci marini e dei ghiacciai, all’innalzamento del livello del mare e a condizioni meteorologiche più estreme.

L’accordo di Parigi fissa obiettivi a lungo termine per guidare tutte le nazioni a ridurre sostanzialmente le emissioni globali di gas serra per limitare l’aumento della temperatura globale in questo secolo a 2 gradi centigradi, proseguendo gli sforzi per limitare ulteriormente l’aumento a 1,5 gradi centigradi, in modo da evitare o ridurre impatti negativi e relative perdite e danni. Il gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici afferma che i rischi legati al clima per i sistemi naturali e umani sono più elevati per un riscaldamento globale di 1,5 gradi rispetto a quello attuale, ma inferiori rispetto a 2 gradi.

Il nuovo rapporto è stato pubblicato prima del Congresso meteorologico mondiale (dal 22 maggio al 2 giugno) che discuterà su come rafforzare i servizi meteorologici e climatici per sostenere l’adattamento ai cambiamenti climatici. Le priorità per la discussione al Congresso includono l’iniziativa “Early Warnings for All” in corso per proteggere le persone da condizioni meteorologiche sempre più estreme e una nuova infrastruttura di monitoraggio dei gas serra per informare la mitigazione del clima.

Ultimi pubblicati